Le novita’ sul fronte fascite plantare

Martedi’ ho finalmente ritirato questi plantare fatti su misura. Costo: 180 €.

L’ennesime spese che metti in conto ad ogni inizio di stagione sportiva… e che forse ti veranno rimborsate… su questo tema potrei scrivere infinite sequenze di “lamentazioni” e post… Ma non e’ questo il momento.
Comunque! ‘Sti plantari li posso mettere sia sugli scarpini da gioco (sia di gomma che alluminio), che sulle normali scarpe da tennis sportive.

Le prime impressioni? Buone. Sento gli appoggi migliori, mi sento un po’ piu’ ammortizzato, il tecnico ortopedico che me li ha fatti ha detto che i benefici si vedono a distanzadi 10, 12 mesi… 🙁

Intanto martedi’ li ho subito provati in allenamento… il martedi’ e’ la seduta piu’ pesante della settimana (si fa piu’ atletica che tecnica). I risultati sono stati poco confortanti: ho sempre gli stessi dolori di prima… la mattina il dolore e’ forte e zoppico in maniera vistosa, sono costretto a terminare l’allenamento anzitempo per evitare di peggiorare la situazione.

Potrei continuare a correre, ma per farlo sono costretto a modificare la gestualita’ della corsa per evitare il dolore: e questa modificazione mi causa squilibri che poi si traducono in dolori vari un po’ da pertutto nelle gambhe….
Questa cosa mi butta un po’ a terra… prima devo aspettare 18 mesi per sbrigare faccende burocratiche che non mi consentivano di giocare partite ufficiali, ora che il periodo di purgatorio sta finendo (potrei giocare gia’ da meta’ Dicembre), mi ritrovo con questo problema, leggo un po’ in internet che i tempi di recupero sono lunghi, anzi lunghissimi, qualche specialista consiglia IL RIPOSO ASSOLUTO PER 6 7 MESI…

Anche Roberto Cafaro, che segue la squadra in qualita’ di preparatore atletico, mi ha detto che in effetti questo problema e’ abbastanza fastidioso.
Domani pomeriggio ho fissato un appuntamento in un centro di medicina dello sport… magari qualche terapia specifica potra’ accorciare i tempi? Vedremo.
Intanto quello che mi da piu’ fastidio e’ la mancanza di interesse, da parte della mia societa’ (anche se comunque devo dire che e’ una cosa che esiste in tutte le societa’) per gli atleti (bah, atleti, io sinceramente mi tiro fuori da questa categoria, ho smesso di essere un atleta da un pezzo) che hanno problemi.

Magari non e’ vero quello che sto per dire ma io ho l’impressione che l’interesse ci sia solo per quei giocatori che vengono pagati, mentre per i poveri cristi che decidono di farlo a gratis non c’e’ interesse. In effetti dovrebbe essere di piu’ il contrario.
Ripeto, e’ solo una mia impressione. Ma tant’e’, la devo comunicare.
Nessuno che si prende carico di seguirti, cosi’ sei costretto a fare da te’, con tutti i contro del caso:

  • perche’ non sei un medico competente
  • perche’ potresti effettuare delle scelte che anziche’ velocizzare il recupero lo rallentano
  • perche’ puoi perdere fiducia nel sistema, nella squadra, nel futuro

Altra cosa che mi da fastidio, e’ vedere come compagni di squadra, allenatori, dirigenti minimizzino la tua condizione.Ti chiedono come mai non ti alleni, o non corri, o lasci prima l’allenamento, gli spieghi che non va per niente bene, ti guardano con una faccia strana come se stessero pensando: «questo qui e’ uno scansafatiche, non si vuole allenare, non vuole soffrire, e’ solo una scusa per non sudare».

Vabe’ la finisco qui.

Comments Posted in Rugby, Salute

Comments

  1. […] 6880 – Le novita’ sul fronte fascite plantare […]

  2. Fantastic site. Lots of useful information here. I am sending it to several buddies ans additionally sharing in delicious.
    And certainly, thanks for your sweat!

  3. alex says:

    @susi

    ciao il litotritore con i suoi impulsi è una nuova cura e pare faccia miracoli…ttrovi tutto su google!

  4. mamma di angelo says:

    Cari lettori… sono in lacrime nel darvi questa notizia. Purtroppo Angelo ci ha il 15 ottobre per via di una complicazione alla fascite plantare aggravata dai plantari che pare avergli venduto un dottore Irlandese a Dublino. Abbiamo sporto denuncia ad ignoti per ora per favore se qualche suo amico emigrato sta leggendo fateci sapere piu’ dettagli, il corpo e’ tornato oggi.. e’ davvero orribile, ha i piedi storti e le dita sono contorte all’esterno, nella pianta del piede gli si e’ aperta una voragine che sembrano due occhi, non riesco a smettere di pensarci, sono distrutta. e’ un incubo, per favore aiutateci. scrivete a mammadiangelofailla@gmail.com grazie

  5. susi says:

    Sono disperata sono 8 mesi che ho questa cavolo di fascite in entranbe i piedi, ho fatto i plantari ho fatto infiltrazioni ma nulla se non peggiorato, premetto che non sono una sportiva, è una malattia deleteria…. guarirò mai???? ho 52 anni e vorrei avere la mia autonomia di movimento!!!!! la cosa peggiore e che non so dove e a chi rivolgermi. Aiutatami ditemi qualcuno a cui rivolgermi io abito in prov. Venezia.
    Grazie

  6. Francesco says:

    Ciao a tutti…leggo solo ora a distanza di quasi 2 anni dai vostri post e spero di cuore voi siate riusciti a superare il problema…

    Mi chiamo Francesco e sono un altro di quelli psicologicamente distrutti dall’impossibilità di continuare i miei allenamenti a causa della fascite plantare…
    Già la mattina, appena sveglio, quando poggi il piede a terra e senti la pungicata capisci ke sarà l’ennesima giornata di merda senza corsa..

    Cmq ho avuto i sintomi della fascite plantare la prima volta a fine maggio dello scorso anno (2010)..inizialmente ho sottovalutato il problema, senza informarmi di cosa potessi avere e continuando ad allenarmi con il dolore…
    ..quando non ce l’ho fatta più ho cercato di risolvere il problema…dopo 3 mesi di riposo finalmente era passato (ripresi gli allenamenti senza dolore ad inizio settembre), ma sinceramente non saprei dire a cosa potesse essere dovuta la guarigione:
    – il semplice riposo di 3 mesi (nessuna attività sportiva che prevedesse l’appoggio del piede)
    – le 2 sedute con l’osteopata (che mi fece fare anche una dieta)
    – le 6 sedute (una a settimana) di ginnastica posturale Mezieres
    – i nuovi plantari che mi ero fatto fare e che portavo tutti i giorni, in ogni momento, qualunque paio di scarpe usassi (ciabatte in casa escluse)

    Insomma, pensavo l’incubo fosse finito ma poi, ad un anno di distanza (durante il quale non ho avuto alcun problema) il 18 giugno mi sono ri-svegliato con l’orrenda pungicata sotto la pianta del piede sinistro….
    stavolta mi sono fermato subito..non ci ho mai corso sopra al dolore e subito ho prenotato una visita con l’osteopata dell’anno prima..ho rifatto delle sedute di posturale..e ho fatto controllare i plantari da quello che me li aveva fatti e non ho mai smesso di portare (anche se ora l’osteopata me ne sconsiglia l’uso..)…MA NONOSTANTE TUTTO CIò, dopo 3 mesi il dolore non passa….la stagione sta per iniziare e non sò ke pesci prendere….

    se qualcuno di voi ha poi trovato un rimedio vero e sicuro, vuole consigliarmi uno specialista valido…ve ne sarei davvero grato…

    Grazie,
    Francesco.

  7. Luca says:

    Ciao Ragazzi, io soffro di fascite plantare BILATERALE da ormai 8 mesi e ho perso completamente le speranze di guarire. Ho fatto onde d’urto, ginnastica posturale (stretching), e agopuntura…cosa mi potete consigliare? Sono davvero disperato.
    Grazie mille a tutti!

  8. Cristina says:

    anch’io, stesso problema. gli ultrasuoni non fanno niente ed ora sto provando con il laser. il fisioterapista mi ha consigliato impacchi all’argilla tutti i giorni, pediluvio di sale in acqua fredda, impacchi di foglie di cavolo e stampelle. ma l’unica cosa che mi aiuta a sentire meno dolore è lo stracing che faccio tutte le mattine con un asciugamano.

  9. Disperato says:

    Ciao a tutti..
    Io ho la fascite da dieci mesi…
    La prima volta successe due anni fa e sono guarito in due mesi..questa volta invece non c’e’ nulla da fare..mille trattamenti e scarsi risultati .
    Psicologicamente sono dilaniato, sopratutto perche’ non sono in grado di fare NULLA . La mia vita si e’ fermata e ormai ho anche perso le speranze di guarire . Sono totalmente sfiduciato e se credo cosi’ credo che davvero perdero’ la testa totalmente!

  10. bernardo says:

    ho la fascite da 4 mesi e leggendo le vostre storie non mi sento rassicurato affatto. Peraltro uso dei plantari da tre giorni (RIZZOLI) ed per ora sono solo peggiorato.Al di là del fatto che il calcio e la corsa li ho mandati a f..lo secondo voi posso tornare in bici? sono incazzato nero…

  11. claudia says:

    CIAO

  12. claudia says:

    <HO UNA FASCITE PLANTARE DA SETTE MESI NN SO PIU COSA FARE AIUTOooooOOOOOOOOOOOO??? IO VI CAPISCO A PIENO STO SOFFRENDO COME UN CANE 🙁

  13. claudia says:

    <HO UNA FASCITE PLANTARE DA SETTE MESI NN SO PIU COSA FARE AIUTOooooOOOOOOOOOOOO???

  14. claudia says:

    andrea :
    Anche io ho la fascite plantare da dicembre 2006. Io corro amatorialmente, allenandomi 3-4 volte alla settimana. A febbraio 2007 mi son fermato per circa un mese perche’ avevo troppo male e nel frattempo ho fatto fare i plantari. Dopo circa un mese di inattivita’ son tornato a correre (con i plantari) e la mia situazione non e’ migliorata. Fine ottobre 2007 mi sono stufato di aver male e vado a fare una visita da un osteopata che mi mette in quadro la schiena. Io continuo ad avere fastidio sia sotto il piede che al polpaccio e non so’ piu’ come risolverla. Per continuare a tenermi in allenamento vado a nuotare e in bici, sono gia’ proprio stufo vedo gli altri miei compagni di corsa che continuano a migliorarsi ed io sono fermo.
    Se hai consigli da darmi oltre a fare stretching e il ghiaccio per migliorare la situazione te ne sono grato
    Ciao.

  15. Tom says:

    Come ti capisco..io soffro di fascite da ben sei mesi e sto facendo le onde d’urto…
    La mia vita si e’ letteralmente fermata da sei mesi e mi sto prendendo un esaurimento nervoso..solo chi ce l’ha puo’ capire…

  16. lori says:

    sono allucinata! soffro di fascite plantare seria da circa 6 mesi. pratico running a livello amatoriale ma nel 2008 ho fatto parecchie mezze maratone e 1 42km.ai primi sintomi non ho dato importanza quindi x 2 mesi ho continuato ad allenarmi x terminare la mezza maratona di bologna a settembre zoppa e poi zoppa ho continuato a camminare. gia’ fatto svariate lastre risonanza visto osteopati fisioterapisti ortopedici e messo plantari.gia’ fatto diverse tecar terapie e cilclo di infiltrazioni di cortisone. sembrava quasi risolta l’ortopedico mi aveva dato l’ok x riprendere ma domenica il mio tentativo di 30 min.e’ stato fallimentare! comunque dopo 4 mesi ho sentito il tallone tirare e di nuovo farsi sentire. certo non come 4 mesi fa ma comunque ora lo sento anche a camminare. sono allucinata perche’ x caso oggi sono entrata in internet x documentarmi un po’ e leggo che questo problema, nei casi piu seri, e’ quasi irrisolvibile!!! voglio dire io credevo di essere ferma da una vita e leggo di anni!!!! il problema e’ che se non torno a correre diveno matta e veramente un sacco di gente e’ messa cosi’… questo non fa che aumentare la mia depressione!!!!

  17. ulisse says:

    grande giuseppe,hai centrato pienamente il problema,la disinformazione è la causa principale della fascite plantare che colpisce parecchi di noi!incredibile ,nell’era della medicina ultramoderna non esiste una tecnica in grado di battere questa ‘ banale’ infiammazione !domani ritiro i famosi plantari da 160 euro,sperando che dopo un anno e mezzo io possa dinuovo tornare a correre!!!

  18. Giuseppe says:

    Ho la fascite da un anno, e non la sopporto piu! il problema? (credo) giocare a calcio senza fare allenamenti e senza fare stratching e, soprattutto scarpe inadatte!
    Ma pensate ci bene, voi che siete vittime come me di questa malattia: perchè non avete fatto niente a primi sintomi (che tra l’altro compaiono inizialmente molto leggeri e quindi non gli si da importanza)?
    LA DISINFORMAZIONE è il problema di tutto… perchè se fumi lo sai che può venirti un tumore (sgrat), se bevi molto, lo si sa che può venirti la cerrosi (sgrat), ma…QUANLCUNO VI HA MAI DETTO CHE CORRENDO, GIOCANDO, E PRATICANDO IL TUO SPORT, PUOI RISCHIARE DI AVERE UN’IVALIDITA’ NON CURABILE??
    Certo che NO! Se uno lo sa, cerca di prevenire!
    Ragazzi io, prima di avere il problema, non ha mai sentito parlare della fascite plantare!!! Dove C***O sono i medici che dovrebbero fare pubblicità preventiva per un male che non si sa come curare????
    Ma poi…oggi si fanno i trapianti di cuore e non è possibile guarire una fascite?
    Scusate, ma io non sopporto più il problema, tantomeno non riesco a farmelo passare… ora sto provando gli impacchi di argilla, ma sono scettico, poichè tutto quello che ho provato, sino ad ora, non è servito a nulla..

  19. Fa says:

    Ciao a tutti!! io ho 26 anni e soffro ormai da 5 anni di fascite plantare bilaterale recidivante da quando ripetuti saltelli in acqua bassa in piscina mi hanno procurato una lesione internamente alla fascia. Poi con il tempo si è cicatrizzata (ci ha messo 1 anno). Da allora ho periodi di sufficiente normalità (che dura da qualche mese a 1 anno) ma poi per pure stupidaggini insorge di nuovo il problema che mi porto altrettanti mesi (da un minimo di 4 ogni volta). Ho provato svariati plantari che mi hanno giovato per un periodo poi addirittura mi sono diventati deleteri, tutte le terapie possibili per sfiammare la zona sono risultate inutili se non peggiorative. Non mi resta che farmi operare misà. Non posso più fare attività, mi sono fatali anche 5 min di corsa o di nuoto. Faccio la sedentaria e basta, mi muovo quando mi è concesso solo per quello che mi serve.

    Leggendo i vostri post provo un po’ di bonaria invidia: ditemi vi prego come fate a fare sport nonostante tutto????

    io non riesco semplicemente a camminare non tanto per il dolore ma perchè vedo che sforzando i piedi infiammati aumenta il dolore, l’infiammazione e la borsite con liquido sinoviale!!! è un vero suicidio… mi sto preoccupando seriamente perchè questa cosa è invalidante sia per vivere una qualità della vita sufficiente, sia per lavorare, per farmi una famiglia… mi sembra impossibile… non riesco a deambulare, a guidare, a portare pesi… come fate voi???
    Nelle mie recidive di molti mesi solo il riposo assoluto (tipo clausura domestica) riesce gradualmente a sfiammare completamente e poi una volta fatto, il rischio di ritornare a vivere un esperienza così traumatica è altissimo e puntualmente si ripresenta, nonostante le mie costanti precauzioni.

    Mi chiedo inoltre come fate a fare stretching con l’infiammazione ma non vi aumenta?
    Infine, se qualcuno può suggerirmi un medico veramente luminare della cosa ve ne sarei grata. Un centro dello sport anche ad altissimi livelli… A me i piedi servono semplicemente per camminare e non per fare sport.. grazie ed auguro a tutti buona guarigione!!!

  20. ulisse says:

    due o tre partite con scarpe sbagliate ,mi hanno costretto ad abbandonare la corsa per mesi!premetto di essere un buon sportivo amatoriale,fino ad un anno fa giocavo a calcio ed andavo a correre tre volte a settimana,e mi sentivo un leone dal punto di vista fisico e mentale!poi l’errore di usare scarpette con taccheetti rigidi mi è costata carissima!ho avvertito un dolore sotto l’arcata del piede sx,soprattutto al mattino appena in piedi!ho continuato a correre per altri tre mesi credendo che fosse sl una sciocchezza che sarebbe presto passata!altro errore madornale!mi sn fermato per 8 mesi prima di effettuare 10 sedute di ultrasuoni e 10 sedute di laser,con risultati modesti ed ora è giusto un anno che nn pratico piu’ sport a parte andare in bici che di certo non mi basta !tutto per un paio di scarpe del cazzo!!!!!!

  21. GIANCARLO says:

    DOPO UN ESCURSIONE DI 9 ORE SUL SENTIERO DELLE BOCCHETTE IN BRENTA HO SOFFERTO PER 9 MESI DI FASCITE PLANTARE AL PIEDE DESTRO,NON FACCIO ATTIVITA’ SPORTIVA COME MOLTI,TUTTAVIA IL SABATO E DOMENICA LA MONTAGNA E’ SEMPRE STATA MIA,DA TEMPO PERO’ AIME SONO FERMO IL BUON SENSO MI HA RALLENTATO,DOPO VARIE TERAPIE INUTILI(ultrasuoni,tens,ghiaccio,plantari da 180 euro,ho intrapreso una terapia col laser 3 sedute la settimana,non sono guarito,tuttavia la riduzione del dolore è stata del 50%,al momento non è male continuiamo)uUN AUGURIO DI PRONTA GUARIGIONE A TUTTI.

  22. Marco says:

    Cara la mia Syliael non credi di essere un po troppo presuntuosa? Sto leggendo questo blog perchè anch’io da alcune settimane ho una fascite plantare che non mi fa camminare. Premetto che stai parlando con un padre di famiglia che si allena tre volte alla settimana andando a correre (circa 12 km a seduta) alle cinque del mattino per essere pronto alle sette e accompagnare tutti a scuola (di figli ne ho solo tre). Altre tre volte esco in mountain bike per circa 35/40 km di sterrato; ti sembro uno “scansafatiche”??? Sarei proprio curioso di vedere se una sorte di fascite agli zoccoli (sono eufemistico ovviamente) la prendesse il tuo cavallo…..lo faresti fermare o continueresti a farlo correre fino a far diventare la patologia cronica??? E poi siamo così sicuri che i tuoi dolori erano continuativi e dolorosissimi tali da non farti cavalcare??? Mettiti una puntina da disegno dentro la scarpa e vediamo quanto sei tosta!!! Ti accorgerai sicuramente di quanti passi farai in un giorno o meglio ti accorgerai di quanti non ne farai più! CAPI’?
    Baci

  23. pallotron says:

    minchia vedo che questo post, vecchio di piu’ di un anno, vi affascina molto ahahah

  24. syliael says:

    mio caro “scansafatiche”,
    mi sembra di ricordare qnd ho rischiato una lesione seria alla colonna (periodo equitazione agonistica) dopo una caduta…galoppare era come una coltellata nella schiena, l’unico a comprendermi era il mio insegnante, dall’alto della sua saggezza sapeva che le conseguenze di infortuni del genere possono essere anche disastrose quindi non mi forzava…ma per gli altri era un distastro! mi guardavano come se pensassero: “guardala, le piace farsi coccolare, galoppa che sembra una polpetta!”

    l’unico rimedio è rimontare in sella!
    nel tuo caso…metti il plantarino (come ritornare bambini col plantare ortopedico ^_^ ) e fai solo quello che il tuo corpo ti concede senza forzare.
    per gli increduli…che gli vengano le murroidi infuocate!

  25. pallotron says:

    @Fabio: un po’ di stop, mi pare 2 week. e poi ci ho corso di sopra coi plantari, normalmente…

  26. Fabio says:

    PALLOTRON, ma volevo sapere come sei guarito?
    Non si capisce se hai continuato ad allenarti o ad un certo punto hai fatto riposo assoluto….
    grazie

  27. DANILO says:

    Salve parlando di plantari ,io podista dopo dolori tibiali ad entrambe le gambe ,il podologo mi ha consigliato di portare dei plantari ,adesso che ho ripreso ad allenarmi ,sento un dolore sotto al piede destro, quanto tempo ci vorrà per non avere questi dolori che onestamente mi portano ad un allenamento non continuativo. Se alcuni di voi ha lo stesso problema e che sia stato risolto ,vorrei essere informato.

  28. ivano says:

    Grazie, ho già sentito più di uno specialista , da ortopedici a luminari dello sport specifico, volevo solo sapere se qualcuno ha sentito di qualche tecnica innovativa .
    Scusatemi ma non sò proprio più cosa fare.
    Ciao

  29. pallotron says:

    @ivano: mi dispiace ma io non sono un medico… tutto quello che posso consigliarti e’ di rivolgerti a qualcuno

  30. ivano says:

    Ho bisogno anch’io di consigli, mi hanno diagnosticato la spina calcaneare nell’ottobre 2006 e nonostante streching, plantari,scarpe ammortizzate,fibrolisi e crioterapia non riesco ancora a correre !!
    Sono un triathleta, ma il fatto di potere comunque andare in bici e nuotare non mi basta !!!
    Qualcuno mi può aiutare !
    Grazie

  31. andrea says:

    Anche io ho la fascite plantare da dicembre 2006. Io corro amatorialmente, allenandomi 3-4 volte alla settimana. A febbraio 2007 mi son fermato per circa un mese perche’ avevo troppo male e nel frattempo ho fatto fare i plantari. Dopo circa un mese di inattivita’ son tornato a correre (con i plantari) e la mia situazione non e’ migliorata. Fine ottobre 2007 mi sono stufato di aver male e vado a fare una visita da un osteopata che mi mette in quadro la schiena. Io continuo ad avere fastidio sia sotto il piede che al polpaccio e non so’ piu’ come risolverla. Per continuare a tenermi in allenamento vado a nuotare e in bici, sono gia’ proprio stufo vedo gli altri miei compagni di corsa che continuano a migliorarsi ed io sono fermo.
    Se hai consigli da darmi oltre a fare stretching e il ghiaccio per migliorare la situazione te ne sono grato
    Ciao.

  32. angelo says:

    Son contento per te 🙂
    insisterò coi plantari e … con attività moderate fin quando necessario!

    Ciao

  33. pallotron says:

    si ora sono apposto, tieni duro! 😀
    e metti sempre i plantari sia nelle scarpe da gioco/corsa che in quelle di tutti i giorni.

    in bocca al lupo!

  34. angelo says:

    sono finito qui perchè …. ho una fascite plantare da giugno. Ho capito ch nome aveva il fastidio che avevo sotto il piede solo a settembre ed ho dei plantari da ottobre. da allora sto tentando di riprendere a correre ma … mi sembra di capire che dovrò limitarmi al nuoto ancora per molti mesi.
    A te come è andata? il post risale esattamente ad un anno fa (pensa che combinazione…) stai bene? questo maledetto fastidio è solo un lontanissimo ricordo? spero di si…

  35. Total says:

    “Magari non e’ vero quello che sto per dire ma io ho l’impressione che l’interesse ci sia solo per quei giocatori che vengono pagati, mentre per i poveri cristi che decidono di farlo a gratis non c’e’ interesse. In effetti dovrebbe essere di piu’ il contrario.
    Ripeto, e’ solo una mia impressione. Ma tant’e’, la devo comunicare.
    Nessuno che si prende carico di seguirti, cosi’ sei costretto a fare da te’, con tutti i contro del caso:
    perche’ non sei un medico competente
    perche’ potresti effettuare delle scelte che anziche’ velocizzare il recupero lo rallentano
    perche’ puoi perdere fiducia nel sistema, nella squadra, nel futuro
    Altra cosa che mi da fastidio, e’ vedere come compagni di squadra, allenatori, dirigenti minimizzino la tua condizione.Ti chiedono come mai non ti alleni, o non corri, o lasci prima l’allenamento, gli spieghi che non va per niente bene, ti guardano con una faccia strana come se stessero pensando: «questo qui e’ uno scansafatiche, non si vuole allenare, non vuole soffrire, e’ solo una scusa per non sudare».
    Vabe’ la finisco qui.”
    Caro Angioletto concordo pienamente con quanto da te scritto, e sono assolutamente solidale con te per aver vissuto personalmente una situazione analoga alla tua. Saluti Total

  36. Francesco says:

    Caspita! 10-12 mesi per vedere qualche risultato??? Pazzesco!
    Mi viene da pensare come riescano a mettere in sesto alcuni giocatori nel giro di poche settimane … e che sono Cyborg?
    A parte gli scherzi, coraggio! La volontà di recuperare, per come hai scritto, non ti manca! E manda a fanc%%o quelli che non ti capiscono!

    Ciaooooo