Di ritorno dall’Irlanda

Eccoci di nuovo qui, di ritorno dall’Irlanda. A soffrire di nuovo i 35° Celsius siciliani! 🙁

In Irlanda la temperatura era pressocche’ costante, 13-14° sia di giorno che di notte… cerchero’ di sintetizzare la vacanza.

Prime due notti a Dublino. Io conoscevo gia’ la citta’, ma gli altri no, abbiamo preso qualche birra, anche troppe, in giro sui pub. Abbiamo visitato il Trinity College, il parco di St Stephen’s Green, Temple bar, ed in genere il centro citta’. Poi abbiamo preso la macchina per fare il giro qui sotto:

schermata.png

La prima cosa che si nota in macchina in irlanda sono le strade, niente a che fare con le nostre, le autostrade sono solo quelle attorno a Dublino, il resto delle strade sono strette ed anche un po’ piene di buche ai lati della carreggiata, ma io penso che proprio per questo e’ figo girare per l’isola. All’inizio Elibus ha dovuto abituarsi con la guida a sinistra.

Abbiamo sperimentato personalmente l’usanza di salutare il conducente della macchina che ti viene di fronte sull’altra corsia alzando gli indici delle mani. Oppure l’usanza di ringraziare con le 4 freccie l’automobilista che, davanti a te, si mette di fianco per darti strada a te che sei piu’ veloce! 🙂 Insomma un modo di fare molto calmo e rilassato, non come in Italia.

La prima destinazione da Dublino e’ stata Oranmore, un paesino attaccato a Galway, qui abbiamo trovato un B&B figo gestito da una signora simpaticissima. Abbiamo pagato 35 EUR a capoccia.

Il B&B a Oranmore

Dalla stanza dove eravamo io e Katia si vedeva una vista sul mare fighissima. Siamo stati in questo B&B due notti, e lo abbiamo usato come base di appoggio per esplorare i dintorni. La prima sera siamo andati in un pub di Oranmore, piccolissimo, completamente diverso dai classici pub fighetti di Dublino, piccolo, familiare, con amici ai tavoli, signori anziani, ma anche giovani. Mentre ero al bancone per farmi spillare una Guinness un tipo guarda il logo della felpa del San Gregorio Rugby, e di li ha attaccato bottone, ci siamo fatti 4 risate, complice anche la birra, e ci siamo fatti consigliare su dove andare.

Cosi il giorno dopo abbiamo fatto questo giro:

Oranmore -> Maam Cross -> Leenaun -> Letterfack -> Renvyle -> Clifden.

A Leenaun c’e’ un bellissimo fiordo tipo quelli norvegesi, c’e’ la possibilita’ di fare una gita in barca che dura un’ora e mezza. Ma noi siamo arrivati tardi e quindi siamo solo rimasti li a fare qualche foto e vedere negozi di souvenir. Vento forte, pioggerellina fine.

Poici siamo spostati a Letterfack, dove c’e’ l’ingresso del Parco Nazionale del Connemara, ingresso gratuito, ci sono 3 sentieri di 3, 4 e 7km, in ordine di difficolta’, che vanno attraverso il parco fatto di torbiere, colline, vallate.

Connemara National Park

Noi avevamo scelto di fare quello piu’ lungo ma arrivati molto in alto il vento era cosi’ forte che ci impediva di andare avanti!!! E qualcuno ha avuto paura/panico (vero Katia?)

Poi siamo stati a vedere la costa li vicino, a Renvyle.

Il connemara specie il tratto di strada da Mamm cross a Leenaun e’ fighissimo! 🙂

Stanchi della camminata siamo andati a Clifden a cena da Darcy, un pub indicato nella Lonely Planet:

Da Darcy

In questo posto abbiamo mangiato davvero bene, zuppe del giorno etc, io ho mangiato un piatto di carne molto serio…

Poi a dormire da Amberville, il giorno dopo bella colazione compresa nel prezzo, io ho mangiato la Irish Breakfast! 🙂

Irish Breakfast

Il giorno dopo siamo partiti alla volta delle Cliffs of Moher; le Cliffs of Moher costituiscono la costa a strapiombo sul mare piu’ alta d’Europa, circa 200 metri nel punto piu’ alto.

Per arrivare di li’ siamo partiti da Oranmore costeggiando la costa, ci siamo fermati nella spaggia di Fanore, una spiaggia larghissima, SPETTACOLARE. Dove abbiamo visto un mucchio di gente che faceva windsurf, c’era anche l’avviso di nuotare a proprio rischio perche’ possono esserci squali:

Spiaggia di Fanore
1219296954_29770e9cb6.jpg

Dopo questa breve sosta, abbiamo trovato un ostello a Doolin, 18 eur a capa, l’ostello non era certo come il B&B ma ci siamo accontentati. Doolin e’ molto frequentato come avamposto per andare alla Cliffs of Moher o alle isole Aran, e’ un paesello piccolo.

Le Cliffs of Moher mi hanno un po’ deluso, troppo “passio”, troppa gente, troppo cemento… troppa confusione… 8 euro di parcheggio, che furto! MANCO A TAORMINA!

1219435454_ac14deccef.jpg

Si quei puntini che vedete SONO PERSONE!

Il giorno successivo ci siamo diretti verso la penisola del Dingle, volevamo dirigerci verso il Ring of Kerry ma non ce l’avremmo fatta a girarlo con calma, cosi’, siccome la Lonely Planet diceva che Dingle e’ anche piu’ bello del Ring of Kerry siamo andati li’.

Doolin, Limerick, Tralee, Penisola di Dingle. Li siamo passati per un istmo dove c’e’ un paesello che si chiama Fahamore e abbiamo trovato una spiaggia incantevole, dove ci siamo fermati per un pic nic. E’ incredibile vedere che l’erba in irlanda arriva fino a pochi passi dall’acqua del mare! 🙂

1218843225_f117fa2619.jpg

Da Fahamore a Dingle si attraversano dei monti alti, con vallate mozzafiato e cascate!

1218955875_a78b561ae5.jpg

Le strade in quel punto sono strettissime e ci passa una macchina alla volta!

Dingle e’ una cittadina molto turistica, con un porto, e molti pub/ristoranti di pesce. Li abbiamo assaggiato un ottimo fish & chips.

Poi via di ritorno verso dublino, ci siamo fermati una notte in un B&B nei pressi di Limerick e poi a Dublino per l’ultimo giorno, dove siamo stati ospiti di Nightolo che ci ha preparato le lasagne!

Le conclusioni del viaggio sono molto positive, l’Irlanda merita di essere visitata! Andateci!

Le altre foto sono su flickr.com all’indirizzo:

http://www.flickr.com/photos/pallotron/sets/72157601624178728/detail/

5 thoughts on “Di ritorno dall’Irlanda”

  1. Lo conosco di fama, su Lamentazioni, e so che è radioamatore anche lui. Però non ci siamo mai sentiti per radio.

    Reply
  2. Già, l’Irlanda è proprio bella! Due anni fa ho fatto un giro simile al tuo e me ne sono realmente innamorato e, grazie ai voli low-cost, appena posso ci vado a fare un giro.
    Complimenti per le foto!

    Reply

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.