Dimissioni

E’ da mesi che mi guardo in giro lavorativamente e medito sul mio futuro: il piu’ prossimo ma anche il piu’ remoto.

Sono mesi che ho deciso che in qualche modo sarei dovuto uscire dal deadlock in cui sono (stato?) intrappolato da mesi. La mia attuale situazione lavorativa non mi puo’ consentire di costruire qualcosa, specie che ultimamente ho dovuto trasformare il mio contratto da full-time a part-time.

Una cosa e’ certa: qui dove sono geograficamente le opportunita’ sono poche. Dovrei spostarmi a Roma o Milano per avere maggiori chance. Allora mi sono detto che che se mi devo spostare tanto vale farsi un’esperienza all’estero.

Sono mesi che anche il Direttore (aka nightolo), attualmente residente e “lavorante” in quel di Dublino (Ireland), mi viene d’appresso con interminabili query private in IRC, in cui la stringa piu’ quotata e’:

«Prenota e vieni! Prenota e vieni!»
«Hai prenotato? Fuozza!»

Da quando mi sono iscritto a vari siti di job searching irlandesi come monster.ie, ma anche inglesi come jobsearch.co.uk, o anche a network come Linkedin.com ricevo molte proposte alla settimana di recruiter ed agenzie di recruitment che notano il mio CV e mi propongono di fare interview per aziende a volte anche molto grosse.

Ho sostenuto colloqui telefonici dall’Italia per aziende anche grosse, in alcuni casi sono riuscito a passare tutti gli scogli delle preselezioni (che costituevano in colloqui telefonici, test su applicazione web in remoto con tanto di cronometro per segnare i tempi di risposte delle domande). A volte sono stato anche invitato a presentarmi per una giornata sana di interview in azienda. Una volta a Dublino ma anche a Cambridge (UK).

In tutti i casi nulla di fatto. Anche se l’impressione e’ che i miei skill siano buoni ed appetibili c’e’ sempre qualcosa che frena le aziende. Sicuramente una buona parte della scelta si basa sul mio english, che non e’ di certo super fluente ma di cui io sinceramente non mi sento di vergognarmi. Anzi!

Credo che l’elemento fondamentale sia che non mi trovo fisicamente li’. E questo sia un deterrente molto forte.

Cosi’ ieri mattina in ufficio mi sono deciso, ho stampato la lettera di dimissioni, l’ho firmata e l’ho presentata al mio datore di lavoro.

Secondo il mio contratto e il mio livello di inquadramento il preavviso e’ di 45 giorni. Pertanto prestero’ servizio dove sono ora fino al 14 Gennaio 2008.

Probabilmente la vignetta qui sotto esprime bene il pensiero dei miei superiori:

Spiacente, ma questo post non è disponibile in Italiano

Anche se devo dire sono stati molto “asettici”, nemmeno una controproposta economica, segno di diverse cose tra cui l’azienda non versa in buone acque, oppure che sono finalmente contenti che me ne vado come la vignetta suggerisce, oppure che so io, semplicemente sono contenti per me! Chi lo sa! a me non e’ che interessi piu’ di tanto.

BTW prenotero’ asap un biglietto di sola andata per Dublino: data 30 Gennaio o 1 Febbraio.

Stay tuned!

Comments Posted in Comunicazioni, Lavoro
Tagged , , , , , , ,

Comments

  1. […] farlo; sicuramente non avremmo i grandi flussi migratori di cui si parla. Io sono stato deportato, pallotron anche, e insieme a noi tanti altri. Per necessità, non per piacere, chiaro? E’ stato […]

  2. syliael says:

    essendo un fottuto genio, anche il tuo cervello fugge a gambe levate dal paese delle banane.
    il periodo delle parole che sfondano il cuore è seppellito quindi non inonderò questo post di melassa, mi limiterò ai pensieri scontati, anche per amalgamarmi bene con gli altri…per fingere che basta un “in bocca al lupo” per spiegare cosa sta per accaderti e cosa mi rimbalza nella mente.
    si è vero, la mia mente da utonta non è un arcano x te, quindi immagina bene…mi eviterai parole inutili.

    inizia un nuovo capitolo della tua vita.
    spero per te che sarà uno dei migliori!

    in culo alla balena!!!

    ps. se un giorno dovessi passare dalle tue parti verrò a trovarti.
    (se mi vorrai) ah non mi far fare mala cumpassa… qui fingi di volerlo!

  3. gg says:

    Evviva il pallotroniano sysadmin che finalmente si toglie dai cojones :D:D:D
    Allora, lo sai come la pensiamo di questa scelta…diciamo che stai facendo da apristrada. Pensiamo ad organaizzare una bella festa per la tua partenza dall’Italia con l’augurio che tu possa tornarci solo per vacanza, ormai in Italia ci si può tornare solo per questo eheheh

  4. pallotron says:

    mi piacrebbe sapere chi e’ sto “missinisi”… 😛

  5. Un missinisi says:

    Come dissi una volta… sei sprecato in quell’azienda di merda. E lo ribadisco. Ti auguro di sfondare.. e ne sei capace. Ti ho sempre ammirato anche se ci siamo conosciuti per poco.
    Alla prox!

  6. Ivan Iraci says:

    Semplicemente IN BOCCA AL LUPO. Sai cosa penso di tutto ciò e sai che ti stimo come persona e professionista. Mi dispiace che ci si vedrà più raramente, ma sono contento per te.

  7. Mik* says:

    Ciao. Primo commento sul tuo blog 🙂
    Sai qual è il problema? Che le aziende difficilmente considerano la risorsa umana come un investimento; il fatto che tu abbia dato le dimissioni probabilmente a loro non interessa perchè una volta andato via ne troveranno un altro.
    Ad ogni modo ti faccio un grande in bocca al lupo per il futuro!

    mik

  8. cat says:

    Sono contenta che pallotron abbia fatto la scelta di andare a lavorare all’estero…sicuramente troverà un lavoro e sopratutto una retribuzione adeguata alle sue capacità….:)

  9. Domenico says:

    Ottimo! BRAVO! cosi si fa. Spero di fare la stess tua scelta (per l’estero) presto…tu vai avanti e dammi informazioni!!!
    ci vediamo in queste vacanze!
    byebye

  10. Francesco says:

    Pallotron, hai fatto una scelta molto coraggiosa!
    Gia’ sai come la penso io … ti ammiro sia professionalmente che personalmente ( lacrimoni … ), mi dispiace perderti come collega ma la vita va avanti.

    In bocca al lupo!

  11. pallotron says:

    io sono convinto che prima o poi, se continua cosi’, si finisce come l’argentina… 🙁
    sono d’accordo sull’ultima frase… quello che penso e’, se ci fossimo aperti alle corporation come hanno fatto loro, qui avremmo una bella situazione. in piu’ con un clima piu’ bello, posti + belli (forse). e figa piu’ bella pure ahhahaha 😛

  12. fredd says:

    ue! siccome quando la nave affonda i ratti scappano per primi con dovuta rattitudine, io me ne andai 6 anni fa’. Feci benissimo. La nave chiamata italia e’ gia’ affondata, ma il direttore marketing continua a convincere molti che non e’ cosi’.
    Se invece che rubarceli i soldi della eu li avessimo investiti bene la sicilia sarebbe oggi come l’irlanda, con pascoli verdi e la pioggia 🙂

    baci

  13. pallotron says:

    @Elibus: tu, come il direttore, avete senz’altro contribuito. grazie!

  14. ELiBuS says:

    Finalmente ti sei deciso! Anche io mi sento parte della tua scelta!
    good luck! 🙂

  15. pallotron says:

    @Fabrizio M.: speriamo che sia quella giusta! grazie.

  16. Fabrizio M. says:

    Decisamente ottima scelta.
    Magari non sarà la sistemazione definitiva, ma un’esperienza all’estero ci vuole!