MacOS X, Ubuntu PPC o Debian PPC?

Ed eccoci col primo step: Dweeb. L’ibook 12″ (del 2004 circa) che avevo “regalato” a Katia.

Ho installato Tiger… ed un po’ di software. Nulla di particolare:

  • Firefox
  • Skype
  • Adium
  • Vienna
  • NeoOffice
  • Fugu
  • VLC
  • Gimp
  • Photomatix
  • Safari
  • DesktopManager

Ho installato anche MacPorts. Perche’ mi serve installare software GNU per quando saro’ a Dublino, nella fattispecie LaTeX ed altri tool command line.

Ebbene, sono triste! Questo portatile e’ ormai troppo lento, una chiavica… Playare video con VLC e’ la morte. Mi sono accorto di PROVARE RIGETTO PER MACOS X.

Troppi fronzoli grafici, troppo spazio occupato sul monitor PER MINCHIATE CON CARATTERI ENORMI.

Non sono nemmeno riuscito a vedermi il video incrimato dove si mostrano le parole che Luttazzi ha pronunciato per vedersi DI NUOVO LICENZIARE… (magari scrivero’ un post a riguardo in futuro)…

Cosi’ non so che fare…

Installare Ubuntu PPC? Installare Debian PPC?

Della prima distro so’ che Canonical se ne fotte e non da’ piu’ supporto.

E poi con GNU/Linux non so che usabilita’ ha Gnash (il flash player freesoftware), e non potro’ usare Skype…

Voi che consigliate?

Comments Posted in Informatica, Software, Software Libero
Tagged , , , , , , ,

Comments

  1. Marco says:

    Mac OS X sull’iBook 12″ lento ?!?! Sul mio Tiger va che è una scheggia e con “soli” 512 MB di RAM. Al contrario Ubuntu PPC va più lento. Sei sicuro che non ci sia qualche problemino di configurazione? Inoltre non è che avrai impostato il profilo energia “a basso consumo” anche quando sei attaccato alla rete?

  2. pallotron says:

    @barby: no sono appena tornato dalla germania. 😀

  3. barby says:

    ma sei in italia?

  4. lele says:

    a parte i due problemi che citi (flash player e skype) io con debian mi trovo benone, so anche che ubuntu per ppc da problemi con le ventole.

    direi debian etch 🙂

    azz e’ passato anche un sacco di tempo, probabilmente non ti servira’ piu’ 🙂 beh il commento lo lascio lo stesso a futura memoria