Flying again

Avete capito bene. Manco il tempo di tornare da Seattle, andare una settimana in vacanza in Sicilia, che devo ritornare a Seattle di nuovo… aereo domani: mi faccio il bank holiday volando.  🙁

Non ho avuto modo di raccontarvi l’esperienza di passare i confini tra USA e Canada in macchina, ne’ scrivere un report sulla vacanza, vi lascio solo le foto a testimonianza.

3560948680_d23e92bc85

Forse rimediero’ in futuro con un post dettagliato per i naviganti, se ne avro’ voglia.

Comunque la barca a vela mi ha impressionato, e’ una cosa fichissima, andare senza motore, sentire solo il rumore del mare, e’ un mondo affascinante con un vocabolario tutto suo, adesso so cosa vogliono dire frasi come:

“mi cazzi un po’ la randa per favore”
“qualcuno rolli il fiocco”
nella vela non esiste la parola “corda”: si usano termini come cima, scotta, dritta, etc
adesso ho capito il principio fisico sul come si puo’ andare avanti anche col vento che non viene ad dietro 😛

Questo mese e’ stato un mese molto strano. Se faccio quattro conti pare che abbia speso 4gg volando. Alcuni colleghi ridendo mi hanno detto che mi sto perdendo l’estate irlandese (ihhihihi). In effetti il tempo non e’ male davvero.

Credo che fra qualche oretta mi prendo la DART e vado a fare una passeggiata in zona Malahide.

Ancora non capisco se mi dia fastidio o no farmi queste altre due settimane in IUESSEI. Da un lato mi fa piacere vedere che la mia azienda abbia fiducia nelle competenze e nel modo di lavorare, mi fa anche piacere che piano piano prendo sempre piu’ fiducia di me stesso, soprattutto nell’aspetto linguistico, ma dall’altro lato mi scassa non poco andare due settimane li, perche’ so che saranno giorni caratterizzati da poco sonno, tanto lavoro, e poca socializzazione/divertimento.

Lavorare all’estero ha ancora di piu’ rafforzato in me la convinzione che e’ importante la conoscenza ma e’ anche piu’ importante essere in grado di apprenderne nuove cose in maniera rapida e professionale. L’attitudine nell’assimilare e’ la cosa piu’ importante. Ed anche la voglia di farlo.

See you

Comments Posted in Irlanda, Lavoro, Viaggi
Tagged , ,

Comments

  1. bacco1977 says:

    Ciao Alex.
    Non dimenticare che siamo in tempi di recessione.
    Hai due opzioni.
    1- resta dove sei, continua a migliorare le lingue e ad inviare CV
    2- molla tutto e parti.

    Per la seconda, ti consiglierei di attendere il 2011, e nel frattempo perpetuare la prima.
    My 2cents

  2. Alex says:

    Beato chi ce l’ha il lavoro all’estero…E’ piu’ di un mese che invio curriculum e cover lettere personalizzate presso aziende ed agenzie di recruitment in UK, Irlanda, Olanda e Svizzera, per potermene andare dalla repubblica delle banane, in special modo dalla sicilia, sua appendice nord-africana, e fare cosi’ esperienze all’estero, aprirmi la mente, ecc…Risultato? Nulla, assolutamente nulla…O non rispondono proprio, o c’e’ sempre qualcuno piu’ bravo di me.
    D’accordo che sono un neo-laureato (in tempo, massimo dei voti, ecc…le solite cazzate), ma un po’ di esperienza lavorativa, anche di alto livello (internship in un centro di R&D di una grossa multinazionale estera), ce l’ho, e sono in grado d’imparare in fretta nuovi linguaggi, concetti, ecc..Conosco anche due lingue straniere: Inglese (110/120 con il TOEFL) e Tedesco (a livello base scritto e parlato, buona la comprensione reading/listening).
    Devo cominciare a credere a quello che si dice su Slashdot sugli “HR drones”?
    Se e’ un problema di location, o se non vogliono spendere due soldi per fare una chiamata ad un numero di telefono Italiano, ho gia’ acquistato un numero SkypeOut nel Regno Unito, almeno fino ad Agosto, e non ho problemi a pagarmi il viaggio per il colloquio, ma a quanto pare manco questo e’ sufficiente…Ultimanente mi metto pure a telefonare direttamente agli agenti delle agenzie di recruitment, sperando che a forza di rompergli le scatole mi trovino qualcosa…
    Mi sa’ che era meglio accettare l’offerta della [grossa multinazionale irlandese] due anni fa’, e mandare al diavolo l’universita’ ed il pezzo di carta…

  3. bacco1977 says:

    tranquillo, passeranno in fretta…..