Dublin Inner City in the 1980’s

Giusto per far riflettere un po’ su come era questo paese negli anni ’80 e quali sono stati i grossi passi avanti fatti in 30 anni, date un occhio a questo photo book di 100 fotografie scattate nella inner city negli anni 80. La url e’:

http://www.photobox.co.uk/1xC8C8A7/creation/392971040?cid=puksecs001

7 thoughts on “Dublin Inner City in the 1980’s”

  1. 🙂
    beh non e’ una gara a chi legge di piu’, quindi ognuno ha il suo backlog 🙂
    io per esempio non leggo continuamente per tutto l’anno, sono sempre stato cosi’. sempre avuto degli spike e degli attimi di pausa.

    Reply
    • Eh si, tra quello che uno vorrebbe leggere e quello che poi riesce a leggere, ci sono un bel milione di cose da fare :D.
      Il guaio mio è che, se parto a leggere un libro lo devo finire fosse pure di 2000 pagine!

      comunque quelli che hai suggeriti me li segno, tanto la lista è chilometrica.
      altri due titoli non influiscono 😛

      p.s. il template nuovo (che credo sia ancora spoglio) è molto piacevole e riposante per la vista

      Reply
  2. un amico su facebook mi riporta cio’, magari puo’ essere di spunto a nuove letture per chi segue il blog ed e’ interessato a capirne meglio di storia irlandese, io mi sa che lo metto in pila:

    Ho letto di recente due libri che sotto forma di romanzo raccontano la storia di Dublino e dell’Irlanda dalle origini fino al distacco dall’Inghilterra: “I principi d’Irlanda” e “I ribelli d’Irlanda” di Edward Rutherfurd. Tra altre cose interessanti, vi si scoprono le origini dei cognomi irlandesi. e nel primo volume si accenna perfino alla curiosa teoria delle origini mediterranee delle popolazioni dell’Irlanda preistorica (io non ci credo, però il triskele irlandese, poi trasformato in trifoglio da St.Patrick … mah!

    un buon motivo, dopo tutto, per rimanere su Facebook: ogni tanto qualche contenuto e informazione di cui vale la pena leggere passa…. un esempio che ancora di piu’ consolida in me la credenza che tutto sta’ nel come usiamo gli strumenti; gli strumenti in se’ non sono il male di per se’. sempre meglio che stare su facebook per sparlare, sbirciare gli altri…. senza apportare nessun contenuto.

    Reply
  3. mozza il fiato, ci sono alcuni scatti che mi fanno venire in mente i racconti dei miei nonni, di quando veramente era dura tirare avanti.

    molto bello.

    Reply

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.