Update: ma quanto e’ scarso il passaporto italiano?

Update: il passaporto mi e’ arrivato ieri. Un mese preciso!

Ho telefonato l’ambasciata la settimana scorsa per sapere se c’erano novita’ e vengo invitato ieri venerdi alle 11.
Alle 11 in punto mi sono presentato e un bel po’ di persone erano gia’ dentro ad aspettare, dietro gli sportelli la situazione era questa:

Nessuno dietro il vetro e impiegati dell’ambasciata che facevano avanti e indietro tra sportelli e scrivanie per sbrigare le pratiche. Mi chiedo perche’ non abbiano i terminali agli sportelli come in tutti gli uffici che servono il pubblico (poste, banche, etc). E’ logico che perdono tempo se devono fare ottomila viaggi avanti e indietro. Terminali agli sportelli e un po’ piu’ di organizzazione velocizzerebbe un bel po’.

Ad ogni modo, e’ un casino, non si capisce chi viene prima, chi viene dopo, etc. Ti viene dato un pizzino con su scritto un numero ma non si capisce a che numero si e’ arrivati, chi e’ il prossimo, e via dicendo; il carabiniere che, poveraccio, cerca di fare il suo mestiere, cercando di rassicurare la gente, certe volte di consolare, a volte anche a dare ragione, a chi si lamenta (me sottoscritto).

Gli impiegati stessi sono spesso nervosi, se ti avvicini allo sportello per chiedere come funziona il tutto vieni trattato con un po’ di sgarbo, ti viene riservato un tono di chi e’ evidentemente oberato di lavoro e ha lo stress a palla, spesso puo’ essere scambiato per semplice cattiveria, oppure per snobbismo, o per quello che in sicilia chiamiamo “spacchiamento”. In realta’ credo che sia solo il risultato dello stress che uno ottiene lavorando in un posto che (1) non ti piace e/o (2) e’ organizzato di merda.

Il carabiniere se ne esce dicendo che “Ah! Se questa fosse un’azienda privata questo non succederebbe…”
Vaglielo a spiegare che questo non c’entra una beneamata mazza… (si ci potrebbe scrivere un altro articolo apposito)

Prima di essere servito aspetto un’ora… molti rinunciano e se ne vanno (evidentemente non avevano robe troppo urgenti da sbrigare).
Nel frattempo ero in contatto coi miei colleghi, a cui esprimevo la mia frustrazione tramite iPhone πŸ˜€

Durante l’attesa mi sono un po’ guardato attorno: c’era l’americano che doveva ottenere un visto per andare in Italia, un tipo italiano sposato con una russa che non so quali cazzi burocratici aveva da sbrigare per il figlio, alcuni cinesi in fila per il visto che a stento parlavano inglese, degli irlandesi, tra cui una ragazza praticamente cittadina italiana per passaporto ma che non spiccicava una parola di italiano (il padre solo lo e’), e non so quale cazzo doveva sbrigare, che alla fine ha dovuto fare parlare suo padre al telefono con la tipa dietro lo sportello.

Li ho visti tutti li letteralmente basiti di fronte alla situazione, potevo sentire qualche “ridiculous”, qualche “it’s a shame” tra le loro chiacchere sottovoce; chi incrociava lo sguardo col mio esibiva il classico sorrisino del disprezzo, un po’ snobbista, come per dire “Che merda il tuo paese, ah! L’Italia, pizza, spaghetti e mandolino”… grazie, lo so, non me lo ricordare, hai anche ragione cazzo, come posso darti torto, pero’ in Italia c’e’ il sole, abbiamo le donne belle, il clima, il mare…….. ci sono anche tante persone che si spaccano il culetto, intanto pero’ un’ambasciata e’ la vetrina del paese… la prima vetrina… e che vetrina che mostriamo… πŸ™

Una ragazza italiana (che doveva fare il foglio di viaggio causa furto portafoglio/documenti) si e’ sentita dire che il foglio vale per un giorno solo, addirittura forse anche per un solo volo (nemmeno gli impiegati erano sicuri, pensate voi!), mentre pareva che lei avesse prenotato due voli low cost per tornare in Italia via Londra, con una notte da passare a Londra. Pensate gli scleri… in Europa… ah, l’integrazione europea. Mi pare un po’ ingiusta sta cosa…

Non parliamo di quando ho dovuto pagare: io sono andato all’ambasciata con due carte da 50 euro.

Sono stato anche abbastanza cretino perche’ al telefono avrei dovuto chiedergli esattamente quanto costava l’intera operazione…
Il costo totale dell’operazione: 82.79 EUR… di soldi buttati.
Addirittura mi e’ stato chiesto di fare da me la differenza del resto perche’ non avevano la calcolatrice…

“Fa’ 17.21 di resto grazie…”. ”

E ma non ha due pezzi da 20? Sa non ho i il resto”

“NO, NON CE LI HO MI SPIACE” e faccio per girarmi cercando qualcuno che mi cambiasse i 50.

E dentro pensavo “CIOE’, VOI RICEVETE PAGAMENTI DOVETE GARANTIRE IL CASH COME IN UN NEGOZIO.”
Non so perche’ non gliel’ho detto, penso avrei dovuto.

E il nuovo passaporto? Mi hanno dato quello da 46 pagine, piu’ grande di quello che avevo prima.
Questo qui ha la fotografia in seconda pagina (invece che della terza di quello vecchio), non male! Si stanno avvicinando alla copertina! Dai su’ che ce la facciamo! su’! su’!:D

Ho anche un bell’adesivo applicato a pagina 1 dei visti, che recita: “tassa pagata per un anno fino al XX/YY/ZZ”. Tassa? In un passaporto? Non esiste al mondo un posto dove paghi una tassa annuale per il passaporto. L’adesivo per giunta e’ enorme, occupa mezza preziosissima pagina. Ogni hanno si prendono mezza pagina di visti per un adesivo… tanto per fare finire il libretto prima, che ovviamente equivale a piu’ soldi, perche’ devi tornare in quel luogo d’oblio per averne un altro. πŸ˜€

Me ne sono andato chiedendo per cortesia di far sapere al ministero degli esteri di questo problema della pagina della fotografia, non per me ma per tutti, e sono stato praticamente deriso dicendomi che loro non potevano fare granche’… ma come? un minimo di feedback al ministero? non avete delle riunioni mensili, semestrali, annuali?

Auguri Italia.

UPDATE #1: mi sono appena ricordato che il ministro degli esteri e’ tale Frattini. Annamo bene:

Comments Posted in Irlanda, italia, Viaggi
Tagged , , , , , ,

Comments

  1. pallotron says:

    @Fabio: la battuta del blog privato non e’ riferita a te, ma era una battuta per chi ha orecchie da intendere fra i commentatori/lettori di vecchia data e di una certa posizione geografica:)

    Se permetti io non ho capito affatto che il commento fosse ironico nei confronti degli irlandesi, non ho capito perche’ purtroppo le comunicazioni telematiche mancano nel comunicare l’umore di chi scrive, e questo lo sa chi ha esperienza di comunicazioni telematiche… di conseguenza, mancando questo elemento, e dovendo interpretare un commento, io lo interpreto in maniera negativa perche’ sono un pessimista cosmico. ecco perche’ ti risposto in quel modo.
    anche se fosse stato ironico nei confronti degli irlandesi non mi riesco a capacitare per quale motivo, non so che cosa abbiano fatto di male gli irlandesi agli italiani per meritarsi un commento di quel tipo….
    nel giorno in cui qualcuno in irlanda mi cachera’ il cazzo piu’ di quando mi si viene cacato in italia quando ci ho a che fare allora sta tranquillo che mi lamentero’ anche degli irlandesi.

    io non amo ne odio l’italia come non amo ne odio l’irlanda o qualsiasi altro paese, io ho raccontato un fatto che mi e’ successo, e il mood della gente che mi stava attorno e di me stesso. siccome nella vita si e’ piu’ incazzati che felici ecco che mi lamento sempre πŸ˜€

    se mi conoscessi bene sapresti gia’ che sono poche persone tolleranti e autoironiche come il sottoscritto πŸ˜€

    non e’ manco necessario che eviti di disturbarmi perche’ a me interessa tenere alto il ranking di google search (ahahahahaha! :P)

    al prossimo commento, spero! πŸ˜€

  2. centurius says:

    ciao angelo

    quale e’ il problema ?
    ho scritto due righe ironiche in risposta agli irlandesi che si credono
    chissachi, e ti sei risentito tu ?
    O forse non era il pensiero degli irlandesi cio’ che hai scritto, ma piuttosto
    il tuo pensiero ?!
    Per carita’, ognuno e’ libero di amare o odiare il proprio paese , ma quando
    gli esempi che si riportano assomigliano troppo a quella storia di colui che
    “notava la pagliuzza nell’occhio dell’altro e ignorava la trave dentro il suo occhio”
    , e’ difficile non rispondere.
    Sono stato definito “imbecille che si autodistrugge”, “cultore dello Straw_man”.
    Addirittura vuoi modificare il blog rendendolo privato !

    Caspita, non credevo di aver fatto tanto male.

    Evidentemente certe persone non ammettono che si confutino le loro idee , anche
    quando la confutazione si basa su argomenti …… inconfutabili.
    Ti conosco per via del fatto che sei un ottimo sys-admin e talvolta ho seguito
    le tue “dritte” in merito all’installazione di qualche pacchetto.
    Continuo a pensare che sei un grande in informatica, ma forse nella vita ci
    vorrebbe piu’ tolleranza e un pizzico di ironia.
    Non occorre che tu renda il tuo blog privato, per quanto mi riguarda non
    ti disturbero’ piu’.

    Ciao da

    Fabio Pulvirenti

  3. TopGun says:

    @pallotron

    Il bello di un blog personale Γ¨ che ognuno fa un po come gli pare :D.
    Io sono per la condivisione aperta, gli imbecilli si autodistruggono secondo me.
    Che poi, sono anche indici di successo, a prescindere se uno lo cerchi o meno perΓ².

    Buona serata.

  4. pallotron says:

    Mah,

    mi verrebbe voglia di mettere il blog privato per soli invitati + commenti moderati come faceva qualcuno πŸ˜€

  5. TopGun says:

    @pallotron
    Oh perΓ² bisogna prenderne atto, hai il merito involontario e certamente non gradito, di attirare gente qualsiasi cosa tu scriva Pallotron :D.

    In un certo senso Γ¨ un riconoscimento di qualitΓ  πŸ˜€

  6. pallotron says:

    @antonio: ma quante ne sai ahahah, comunque io il commento lo ignoro proprio perche’ non penso di essere filo irlandese o filo americano o filo qualsiasi altra cosa, nello stesso modo in cui non sono filo italiano πŸ˜›

  7. centurius says:

    eh si , hanno proprio ragione a fare i sorrisetti sfottenti come dire “che paese di merda e’ il vostro”.

    L’irlanda ci snobba, ci disprezza perche’ e’ un paese efficiente , dove tutto funziona alla perfezione, non certo come da noi che siamo il paese di Pulcinella.
    Certo, ci sarebbe quella questioncina che sono sul baratro del fallimento economico , come la Grecia, ma queste sono quisquiglie di poco conto : l’Irlanda ci e’ superiore e non ci sono kazzi da kakare, qualunque cosa succeda.

    Saluti

  8. Freddy says:

    Ah, il pizzo annuale sul passaporto che una volta lo stato italiano ti chiedeve anche per circolare in europa fino a quando la cosa non e’ arrivata alla UE che gli ha spaccato le corna (tralasciando il fatto che se viaggi solo in europa ti basta la carta di identita’ e il passaporto non lo chiedi).

    Comunqe il pizzo annuale lo dovresti pagare solo se viaggi extra UE, comunque se non lo paghi non ti possono impedire l’imbarco, ma ti possono fare la multa.

    Il tutto chiaramente se parti dall’italia, agli altri paesi interessa solo la data di scadenza del passaporto, non se hai pagato il pizzo o meno.

    Se invece parti dall’italia per una meta extra EU, basta fare scalo in un paese europeo e far vedere la carta di identita’ invece del passaporto in uscita e al rientro.

  9. pallotron says:

    @Anakureto Momo – e che ci posso fare se l’azienda me l’ha cortesemente donato, se ero io non me lo compravo πŸ˜€

  10. >tramite iPhone

    Ho smesso di leggere qui frocio in denial

  11. andima says:

    Quella di Frattini e’ vecchia, c’e’ anche di meglio, di qualche giorno fa, roba da dar testate al primo muro che si trova
    http://www.ilpost.it/2011/03/31/frattini-bbc-paxman/

  12. Beppe says:

    Pensa chi – come noi che siamo ancora (purtroppo) in patria – lo vivono tutti i giorni questo attenggiamento e questa disorgsanizzazione. Per non parlare del fatto che ormai la presenza di quello che qualcuno chiama Frattini Dry (a causa della sua costante abbronzatura e del suo atteggiamento da “Sono appena tornato dalle ferie che Γ¨ successo durante la mia assenza?”) Γ¨ ormai una costante nei Tg e sui giornali