Che futuro ci dobbiamo aspettare?

Salve lettori, (a proposito: c’e’ ancora qualcuno che legge?)

Qualche giorno fa sono stato colpito da questo articolo che ho letto su Slashdot sulla sezione “ask Slashdot”. Il titolo mi ha attirato immediatamente: “Sono troppo vecchio per imparare un nuovo linguaggio di programmazione?”.

La domanda se la pone un lettore di Slashdot, un quarantenne con 25 di anni di esperienza lavorativa alle spalle. La domanda in se’ non e’ tanto originale: d’altronde chi tra di noi non si e’ posto gia’ simili domande? Quello che mi ha colpito e’ il primissimo commento di un tale che riporto qui per la cronaca, anche per non perderlo (magari tra 10 anni mi ricapita di rileggerlo per vedere se la profezia si e’ avverata):

I’m 55, a programmer, and I’ve been out of work for two years. I’ve had plenty of interviews, but no job offers. Here’s my take on all of this: I’m too old to be a programmer. I’ll put my “management hat” on and tell you why:

1. I’m old. One 5 hour energy drink revvs up your basic 20 year old code monkey all day. I need a saline drip with caffeine in it all day to keep going.
2. I’m expensive. I have 30 years of experience in the ‘biz and a masters degree in CS. I’m not cheap. You could hire two 25 year olds for what I’m asking.
3. (and what I consider to be my greatest failing in the corporate world) I’ve seen all the tricks. I’ve been exposed to every nasty little mindgame management has at it’s disposal. And sometimes I have the bad manners to call people on it. This is called “having a bad attitude”.

So when I compete against 20-somethings in the worst economy since 1929 (I hesitate to say the worst economy ever), I lose. I should have made the leap to management when I had the chance, not because I would have loved management (I would have had to manage assholes like me, after all ;), but because at 40 you have TWENTY YEARS LEFT. The years go by really, really fast. You should really start thinking about a soft place to land when you’re 60 now, because if you aren’t in line to be a VP or a Director you ain’t gonna make it at this point.

The suggestion to “Follow Your Bliss” only works in an economy that’s not run by sociopaths. Hell, it only works in a country that’s not run by sociopaths. Strike one strike two. Tighten your belt, put as much money away as you can, and make sure you keep your health up. Because the era of “company loyalty” is over, COBRA for a family costs as much as your mortgage, and finding a new job is going to be a real challenge.

Other than that, have a nice day! 😀

L’autore del commento, ma anche qualche altro commentatore piu’ sotto nei commenti, pare vedere nella carriera manageriale l’unico sbocco che un 40enne possa vedere nella sua carriera. Voi che ne pensate?

Io ci ho rimuginato sopra ultimamente anche complice un periodo di pensieri attorno alla senilita’ in cui mi ritrovo, in questi due anni ho assistito ad alcune scene poco piacevoli che hanno coinvolto amici stretti e non che mi hanno ricordato che la nostra vita non e’ infinita.

L’articolo e i commenti dei lettori sono un grande input a riflettere sul futuro, almeno nella sua sfaccettatura lavorativa.

Sono ancora nei 20-something per poco e lavoro da quando ne ho 18, con buoni risultati solo negli ultimi 5 anni. La mia carriera professionale migliora ogni anno che passa (dovrei scrivere un articolo sui miei primi 6 mesi in Facebook e probabilmente lo faro’ quanto prima), mi trovo in uno dei migliori ambienti lavoriativi dove un informatico possa ritrovarsi.

Della capacita’ di imparare non mi preoccupo tanto, penso che il giorno in cui finiro’ di imparare mi potro’ considerare morto:sono sempre stato in grado di andare avanti da autodidatta e ho sempre trovato interessi e cose da imparare, anche aldila’ dell’informatica (fotografia, arte bianca, cucina, etc), e sinceramente benedico il giorno che ho deciso di lasciare l’universita’.

Non credo di aver problemi a ritrovarmi 40-enne in mezzo a un mondo di 20-enni, almeno non credo sara’ un problema mio, magari il problema sara’ loro, dei 20-enni che si sentiranno a disagio a lavorare con un 40-enne intendo…

Per quanto riguarda la carriera manageriale, non so, non ci sono portato, ne mai ci saro’, sono un tecnico, mi piace sporcarmi le mani coi problemi pratici invece di dire alla gente quello che deve fare, o assicurarsi che lo facciano, o mettermi nel politichese.

La scorsa settimana a lavoro ci hanno fatto fare un test attitudinale per trovare i maggiori 5 punti di forza in ogni componente del nostro team. La cosa interessante che abbiamo notato in tutti noi e’ che siamo un gruppo molto basato sul data analysis, learning driven, e tutto il resto, ma con poche doti comunicative o comunque altre doti di public relations, la cosa molto simpatica e’ che il nostro manager ha avuto un risultato completamente opposto, meno tecnico e molto piu’ comunicativo.

In piu’ lavoro in una societa’ molto engineering-centric e molto orizzontale, i manager ci sono, ma sono dei semplici mediatori, le decisioni vengono lasciate ai tecnici, e piu’ che altro essi funzionano come scudi o punti di contatto quando e’ necessario buttarsi nel politichese aziendale. Io  vedo un futuro da technical specialist. Ma non so, si vedra’.

Ci sono anche posizioni di mezzo tipo team/tech leader o senior engineer in cui ti sporchi ancora le mani ma nello stesso tempo sei buttato in mezzo a riunioni dove si decide che percorso prendere, oppure devi dirigere un team di engineers.

Penso che l’incertezza vada combattuta con diverse azioni strategiche:

  • migliorare la propria capacita’ di risparmio (visto che probabilmente non ci sara’ una pensione adeguata per noi lavoratori del presente);
  • ottimizzare le spese;
  • vedere un piano pensione? qualcuno dei lettori sa consigliarmi in questo merito?
  • concentrarsi in campi dove la domanda e’ grande ma dove le competenze sono difficili da trovare, in modo tale da avere poca concorrenza;
Chissa’ come saro’ messo da qui a 10 anni. Saluti e buon ferragosto, io lo passo sul divano scrivendo quello ceh avete appena letto e a guardare la TV aspettando le ferie che inizieranno il 26 Agosto 😛