Sport

Rimettersi in forma.

Gli esami del sangue e la bilancia non danno messaggi rassicuranti. Siccome non sono tipo da palestra (forse da piscina), ed anche perche’ non mi va di spendere 60 euro / mese per un abbonamento, mi sono deciso a cambiare un po’ il trend re-iniziando a correre ogni giorno lavorativo della settimana (tranne mercoledi’) in pausa pranzo, dalle 13 alle 14, al Trinity College.

Perche’ non torni a fare Rugby? Devo dire la verita’, mi secca, per tutta una serie di motivi:

  • di salute: farmi male qui, visto che non ho una macchina, sarebbe un casino pazzesco, non ho problemi a farmi male, il problema e’ poi andare a lavoro facendo 4 km con le stampelle a piedi, non mi va 🙂
  • di interesse: la squadra con cui ho fatto qualche partita/allenamento e’ piena di culazzari che si incontrano cosi’ ogni tanto per una partitina, io sono un tipo competitivo.
  • di tempo: a volte esco dall’ufficio non in tempo per prendere la luas ed arrivare al campo, a volte sono stanco mentalmente dopo il lavoro e non mi va di andare al campo, etc etc.

Correre e’ il metodo ok; lo so’, e’ meno fashion, non vado in palestra con le tute attillate che fanno vedere il pacco, non ho musica mentre faccio esercizi (anche se potrei usare l’ipod).

L’attivita’ che faccio consiste in pratica correre 4 giorni su 7 (con pause il mercoledi, sabato e domenica). Chi si vuole unire e lavora nelle zone del Trinity College e’ ben accetto, sappiate che pero’ io parto senza eccezioni alle 13. Cu c’e’ c’e’.

Il percorso lo potete vedere sulla mappa. Si tratta di 900m circa per ogni giro, la distanza e’ stata misurata dapprima con la bicicletta di un collega e poi verificata con Google Earth (siamo nerd dopotutto!).

Ho iniziato circa due settimane fa, una uscita consiste in circa 30/45 minuti di attivita’, in modo tale poi da avere circa 10 minuti per una doccia ed essere in scrivania per il pranzo alle 14. Due giri di riscaldamento senza sosta, qualche minuto di stretching, i rimanenti 3 giri a ritmo un po’ piu’ sostenuto, cercando di non fermarsi mai, se proprio ci si deve fermare allora bisogna continuare il percorso camminando veloce al massimo per 40 metri per poi riprendere.

Un mio collega mi ha detto che lui ha iniziato 9 mesi fa, e ha perso 15kg, dice che i primi miglioramenti si vedranno dopo circa 5-6 settimane dall’inizio delle attivita’.

Comunque ritornare a correre gia’ mi ha fatto bene, toglie lo stress lavorativo, torni in ufficio per il pomeriggio con quella bella sensazione di spossatezza che ti fa lavorare tranquillo, ho meno problemi alla cervicale, etc etc.

Gia’ da una settimana all’altra ho notato dei miglioramenti, il primo giorno e’ stato letale, il giorno dopo acido lattico a manetta, ora mi fa meno male la parte lombare, prima non riuscivo a fare 20 minuti di seguito, ora ci riesco. In totale cosi’ correro’ circa 0,9 x 5 giri ~= 4.5 km al giorno ~= 18 km a settimana. Non male secondo me.

A tutto cio’ sto aggiungendo un po’ piu’ di controllo su quello che mangio/bevo; non e’ una dieta, si tratta solo di porre piu’ attenzione a quello che faccio.

Vi tengo aggiornati.

E lo chiamate sport?

Signori, dopo oggi credo che non guardero’ mai piu’ una partita di calcio professionistico. Thierry Henry salva per il rotto della cuffia la Francia segnando un goal viziato da un controllo di mano ed elimina L’Irlanda.

Ecco il video:

Ma che cazzo di sport e’ questo? E’ una profonda ingiustizia per l’Irlanda, per il Trap e per tutto il popolo irlandese. Il calcio mi fa pena, uno sport che nel 2009 non e’ in grado di ammodernarsi, nemmeno la possibilita’ di utilizzare il replay in campo in casi come questo. Ma dov’e’ il television match officer!?!?!?! Imparate da altri sport idioti! Corrotti! E’ un gioco basato sulla malizia, l’ingiustizia, una partita a dadi, domata DAL CASO e dagli episodi fortuiti.

Ma seguite ancora questo sport ingiusto? Ma fatemi il piacere! Per me va bene solo nella XBOX

Ho pena anche chi poi se la prende coi popoli, francesi bastardi, francesi mangiatori di rane, etc etc. Vergognatevi 🙂

Che sport e ambiente di merda, motorini che volano dagli stadi, gente uccisa, giocatori che sono checche che saltano a sfidare le piu’ elementari leggi della fisica classica.

Nessun rispetto per l’arbitro in campo, nessun rispetto per i compagni (tutti che si mandano a fanculo tra di loro!)

Imparate checche:

E per chi vuole ridere ecco due chicche:

On 2 wheels

Dublin, Ireland, 1 year and 5 months

Mi sono fatto la bicicletta. Qualche giorno fa ho invitato un mio ex collega irish ed un mio amico italiano a pranzo e mi hanno fatto conoscere questo sito: http://www.rothar.ie.

rothar

L’idea dietro a Rothar e’ nata notando che Dublino sia piena di biciclette abbandonate o che a volte e’ difficile trovare una bici di second mano: tutte le biciclette non utilizzate (pezzi di ferraglia o non), donate dal pubblico e/o recuperate per strada perche’ abbandonate, vengono prese, risistemate, e quindi reciclate non appena si trova un nuovo proprietario.
Il gruppo effettua anche training a gruppi, coinvolgendo le persone, specialmente quelli con una vocazione nella riparazione di biciclette.
Le biciclette rinnovate vengono donate a gruppi disagiati o vendute per un cifra che varia da 75 a 100 euro a seconda della qualita’ della bici in modo da coprire i costi della associazione.

Se la tua bici ha bisogno di manutenzione e tu non sai come fare, non hai gli strumenti e/o la conoscenza adatta, puoi andare li e per 5 euro all’ora puoi usare il garage, tutti gli attrezzi che vuoi, avere l’aiuto di una persona esperta che ti aiuta a fare il lavoro, e tanto per dimostrarti che non sono li solo per fottere soldi hai tea, caffe’, guanti e altre amenita’ gratis…

Incuriosito da questo gruppo di appassionati di biciclette mi sono fatto convincere dall’ex collega e mi sono dato appuntamento con lui un sabato pomeriggio, zona Phisboro.

Ho preso la bici per 80 euro, perche’ sono uno sporco comunista come dice Berlusconi e perche’ credo nelle attivita’ sociali. E sono tornato a casa pedalando! A piedi 30 minuti, in bici 5! Ho svoltato.
Prima di andare via abbiamo fatto un piccolo checkup e mi hanno sistemato alcune cose: freni, serrato i raggi, sistemato un po’ la catena e altre cose. La bici non e’ male, ha un po’ di ruggine da qualche parte ma e’ funzionale. Forse piu’ avanti posto qualche foto.

bici

Oggi da Argos.ie ho comprato luci a LED davanti e di dietro, telone da copertura per quando piove, lucchetto a U e a catena, casco, per la modica cifra di 48 euro.
I coinquilini sono stati ganzi e mi hanno regalato un marsupio da fissare alla bici 🙂

Qualcuno mi ha gia’ detto che mi sono fatto fottere i soldi con questa bicicletta. Questa e’ mentalita’ di chi pensa sempre che la gente sia li per fotterti al primo segno di debolezza. Io dico che l’iniziativa e’ lodevole, che riciclare e’ giusto, che siamo schiavi di una mentalita’ dell’usa e getta, e che 80 euro non sono un cazzo. In piu’ se sta bici e’ davvero na merda come dice qualcuno potro’ tornare li’, sistemarmela da me’, e magari apprendere qualcosa di nuovo sulle bici e magari, perche’ no, praticare ancora meglio la lingua e conoscere nuove persone non italiane.
Se ragioniamo all’irlandese 80 euro sono circa 16 pinte (gli italiani ragionano “a caffe'”.
Da domani credo che andro’ a lavoro in bici, e poi vi sapro’ dire com’e’ Dublino pedalando…

Go with christ br0s

Weekend “sportivo” in quel di Seattle

Per continuare a vivere l’esperienza ammeregana ho accettato l’invito di alcuni colleghi ad andare a vedere la partita di baseball “Seattle Mariners vs Minnesota”.

Teatro del confronto il Safeco Field, enorme campo di baseball proprio accanto ad un altro enorme stadio di Football ammeregano e Calcio.
Ecco alcune foto per darvi un’idea:

safecofield

safecofield2

Ero curioso di vedere una partita dal vivo di questo sport tanto sconosciuto agli europei ed in particolare agli italiani. E poi un popolo lo si conosce anche da come va allo stadio a vedere uno dei suoi sport preferiti.

Continue reading…

Ho fatto bene a non andare ad Ebimburgo!

Questo 6 Nations e’ deprimente! 🙁

Avevo la possibilita’ di andare ad Edinmburgo (EDIMBRRRA’ per gli amici) a vedere la partita dell’Italia. Per fortuna non ci sono andato perche’ il match e’ stato qualcosa di scandaloso.

E poi mi sono ripromesso di non vedere mai piu’ una partita in curva perche’ non ho la percezione della profondita’.

Da anni vedo una involuzione del gioco italiano.

Ridatemi la nazionale di Dominguez, Troncon, Giovannelli, Vaccari, dei Francescato. Della nazionale della vittoria di Francia Italia a Grenoble 97… Etc etc.

Rifatevi gli occhi con questo:

Notare il punteggio contro il galles nel 2007… quasi all’80imo…

Ora che mi sono consolato con un po’ di immagini positive di Italia ed Italiani me ne posso andare a letto.

Buona notte