avventura

Howto emigrate: step number 1

Spiacente, ma questo post non è disponibile in Italiano Fra ieri e oggi ho portato a termine lo step numero 1, e cioe’:

Prenotare biglietti aerei e cercare una sistemazione per le prime due settimane.

I seguenti screenshot testimoniano l’inevitabile 🙂 :

Spiacente, ma questo post non è disponibile in Italiano Spiacente, ma questo post non è disponibile in Italiano

Partiro’ giorno 30 Gennaio 2008, ore 15.20 con volo Windjet, direzione Fiumicino.

Non fidandomi di Windjet ho evitato di optare per la coincidenza e passero’ la notte a casa di Elibus. L’indomani prendo il volo Ryanair da Ciampino per Dublino, alle ore 9.55. Elibus si e’ offerto di accompagnarmi visto che la mattina lui va a lavoro nei pressi di Ciampino.

Da questo momento il sottotitolo del blog che era:

«Storie, esperienze e pensieri di un geek»

diventa:

«Storie, esperienze e pensieri di un geek in procinto di emigrare»

Situazione accomodation

La situazione flat sharing e letting in Irlanda e’ forse la parte piu’ “cammuriusa”. Come ho letto in giro quasi nessuno ti affitta una stanza se non hai le reference (cioe’ un lavoro).

Cosi’ per l’accomodation iniziale mi sono rivolto a CelticHalls.com. Che sono proprio organizzati per l’accoglienza e l’affitto di stanze in appartementi/case a Dublino e Cork a professionisti e studendi dall’estero. L’ho scoperto grazie alla comunita’ di Irlandando.it. Una comunita’ online (ma anche real-life) di italiani in Irlanda. Mi sono iscritto al forum. E’ un sito che vale la pena visitare se intendete soggiornare in Irlanda per brevi o lunghi periodi. Cito direttamente dal sito di Celtic Halls. BENEDETTO IL COPY & PASTE!

Accommodation

We offer medium-high standard Self-Catering accommodation (self-sufficient houses) in single, double, or triple rooms, with shared services, including kitchen.
In Dublin all our structures are conveniently located in the city centre or in residential safe areas (mainly Dublin 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9) well connected to the centre (within 10-25 minutes), by public transport (no more than one bus, or in the vicinity of the DART light railway). In Cork all the houses are in the centre or within a walking distance from it.

Prices and booking

The weekly self-catering (house sharing with use of bathroom and kitchen) per person prices have the following range (with all bills included):

 
Dublin
(person/week)
Cork
(person/week)
Single room
140 – 160 euro
120 – 130 euro
Double room
120 – 140 euro
90 – 100 euro
Triple room
100 – 110 euro

In order to book and to have further details, please provide us preliminarily a short description of yourself and of your needs, sending us an email at:
Dublin: info.dublin@celtichalls.com
Cork: info.cork@celtichalls.com

Ok, ma in pratica come funziona?

Il periodo obbligatorio di permanenza e’ 2 settimane, che devi pagare in anticipo, bisogna dare una caparra di una settimana che ti restituiscono quando lasci la casa, per lasciare la casa devi dare una settimana di anticipo. Se gli scrivete come utenti Irlandando.it avete diritto a 20/30 eur di sconto…

Gli ho scritto una email e ho notato che i prezzi sono piu’ alti di quelli indicati nel sito:

CAMERE TRIPLE DUBLINO 110-120
CAMERE MATRIMONIALI/DOPPIE: DUBLINO 130-150 e CORK 95-110
CAMERE SINGOLE: DUBLINO 155-175 e CORK 125-135
Hanno voluto 100 eur di anticipo che verranno detratti dalla somma che devo saldare arrivato li’. Li ho pagati via Paypal. Una volta arrivato li dovro’ telefonare in ufficio, per avvisare che sto passando a pagare. Arrivare nell’ufficio Celtic Halls, pagare 80 eur di spese di booking anticipato dall’estero + 2 settimane di affitto + 1 settimana di caparra.

Poi da quello che mi ha raccontato Il Direttore mi accompagneranno nell’alloggio in macchina.

Alla prossima puntata.

PS: ieri finalmente per la prima volta mi sono tolto una soddisfazione con un PM del mio attuale posto di lavoro che, durante una chiaccherata pre meeting a quattrocchi, in cui gli ho mostrato le mie motivazioni ad andarmene, ha usato in mia presenza la parola SOTTOSTIMATO parlando delle condizioni di un progetto attualmente in corso…

Dimissioni

E’ da mesi che mi guardo in giro lavorativamente e medito sul mio futuro: il piu’ prossimo ma anche il piu’ remoto.

Sono mesi che ho deciso che in qualche modo sarei dovuto uscire dal deadlock in cui sono (stato?) intrappolato da mesi. La mia attuale situazione lavorativa non mi puo’ consentire di costruire qualcosa, specie che ultimamente ho dovuto trasformare il mio contratto da full-time a part-time.

Una cosa e’ certa: qui dove sono geograficamente le opportunita’ sono poche. Dovrei spostarmi a Roma o Milano per avere maggiori chance. Allora mi sono detto che che se mi devo spostare tanto vale farsi un’esperienza all’estero.

Sono mesi che anche il Direttore (aka nightolo), attualmente residente e “lavorante” in quel di Dublino (Ireland), mi viene d’appresso con interminabili query private in IRC, in cui la stringa piu’ quotata e’:

«Prenota e vieni! Prenota e vieni!»
«Hai prenotato? Fuozza!»

Da quando mi sono iscritto a vari siti di job searching irlandesi come monster.ie, ma anche inglesi come jobsearch.co.uk, o anche a network come Linkedin.com ricevo molte proposte alla settimana di recruiter ed agenzie di recruitment che notano il mio CV e mi propongono di fare interview per aziende a volte anche molto grosse.

Ho sostenuto colloqui telefonici dall’Italia per aziende anche grosse, in alcuni casi sono riuscito a passare tutti gli scogli delle preselezioni (che costituevano in colloqui telefonici, test su applicazione web in remoto con tanto di cronometro per segnare i tempi di risposte delle domande). A volte sono stato anche invitato a presentarmi per una giornata sana di interview in azienda. Una volta a Dublino ma anche a Cambridge (UK).

In tutti i casi nulla di fatto. Anche se l’impressione e’ che i miei skill siano buoni ed appetibili c’e’ sempre qualcosa che frena le aziende. Sicuramente una buona parte della scelta si basa sul mio english, che non e’ di certo super fluente ma di cui io sinceramente non mi sento di vergognarmi. Anzi!

Credo che l’elemento fondamentale sia che non mi trovo fisicamente li’. E questo sia un deterrente molto forte.

Cosi’ ieri mattina in ufficio mi sono deciso, ho stampato la lettera di dimissioni, l’ho firmata e l’ho presentata al mio datore di lavoro.

Secondo il mio contratto e il mio livello di inquadramento il preavviso e’ di 45 giorni. Pertanto prestero’ servizio dove sono ora fino al 14 Gennaio 2008.

Probabilmente la vignetta qui sotto esprime bene il pensiero dei miei superiori:

Spiacente, ma questo post non è disponibile in Italiano

Anche se devo dire sono stati molto “asettici”, nemmeno una controproposta economica, segno di diverse cose tra cui l’azienda non versa in buone acque, oppure che sono finalmente contenti che me ne vado come la vignetta suggerisce, oppure che so io, semplicemente sono contenti per me! Chi lo sa! a me non e’ che interessi piu’ di tanto.

BTW prenotero’ asap un biglietto di sola andata per Dublino: data 30 Gennaio o 1 Febbraio.

Stay tuned!