cibo

Week end nel sud est d’Irlanda

Salve gente,

questo week end siamo andati nel sud est dell’Irlanda insieme ad alcuni colleghi. L’occasione della mini vacanza era il compleanno di Rosanna, la ragazza di un mio collega ๐Ÿ™‚

Ecco le tappe coperte, grazie a Google map:

Dublin -> Hook Head Light House(B) -> Dungarvan(C) -> Lismore (D) -> Cashel (E) -> Dublin.

Hook Head Lighthouse

E’ un faro molto importante situato su una penisola nelle vicinanze di Waterford. Una volta arrivati li e’ possibile fare un giro nei dintorni del faro, seguendo i sentieri, si puo’ godere una vista molto carina dalla sommita’ del faro (visite guidate dallo staff ogni ora, ora non ricordo il prezzo del biglietto). Il visitor centre e’ munito di bar, bagni, zona picnic (sia all’aperto che al coperto).

Maggiori info:

Verso Dungarvan

Da Hook Head ci siamo poi trasferiti verso Dungarvan. Attenzione: consigli per chi si vuole spostare da Hook Head a Dungarvan: prendere il ferryboat in localita’ Arthurstown (punto A nella mappa). Il punto e’ conosciuto come Passage East.

Questo vi consentira’ di risparmiare una 50ina di km! Il prezzo del biglietto e’ di 8 euro one way se non erro… e la traversata dura meno di 3 minuti ๐Ÿ˜› Non ho avuto manco il tempo di scendere dalla macchina e fare 4 foto ๐Ÿ˜›

Il ferryboat piu’ che un traghetto sembra una chiatta vera e propria, mai vista! ๐Ÿ™‚

Dungarvan, Seaview B&B e dintorni.

Dungarvan e’ un paese di 6000 anime circa. Davvero molto carino se comparato con la media irlandese.
Un paese con certi tratti da paese marittimo mediterraneo. Ho trovato molto piacevole il passeggio sul “lungomare” dove si trova una bella insenatura.

Il B&B era davvero fico, in alto su una collina si poteva vedere tutto il golfo. Molto fica la sala del breakfast con ampie finestre per godere della vista. Bello anche il salottino al primo piano dove sorseggiare qualcosa in totale relax.

Maggiori info:

The White Horses restaurant.

Entrando nel discorso cibo siamo andati a mangiare in un ristorante consigliato dalla tipa del B&B. Il nome e’ The White Horses e si trova a poche miglia dal B&B, il paese si chiama Ardmore.

Abbiamo bookato facendo telefonare la tipa del B&B. Volevamo fare per le 8.30 ma ci hanno detto che non c’era posto e che avremmo dovuto fare tipo alle 19.00 o alle 21.00. Era gia’ tardi e abbiamo optato per le 21. Arriviamo li alle 21.10. Ristorante pieno. Entriamo; ci dicono di attendere 10 minuti, e ci invitano ad aspettare al pub difronte. Entriamo al pub di fronte, prendiamo una pinta, e dopo 20 minuti arriva la tipa a prendere le ordinazioni (sguardi si stucco fra i commensali…). Attendiamo un totale di 40 minuti per essere chiamati… Arrivati al tavolo ci ritroviamo con solo 6 coperti (e noi eravamo 7!).
Disappunto tra i commensali… Io e Katia Ordiniamo come starter 2 seafood chowder, e come main course del salmone in crosta accompagnato con del cous cous e delle salse varie al peperone e altre cose da dividere in due (e’ stato possibile perche’ il piatto era abbastanza abbondante). Vino bianco. Prezzo se non erro una 50ina di euro in 2 per 2 starter e un main course (il vino e’ stato offerto come regalo dal ragazzo della festeggiata).

Giudizio: positivo per il cibo un po’ meno per l’organizazione (40 minuti di attesa nonostante il booking con ore di anticipo, disorganizazione nel conto delle posate, abbiamo dovuto chiedere 3 o 4 volte per oggetti che mancavano sulla tavola, posate, bicchieri, tovaglioli, etc…)

Nota: la sera al rientro dal ristorante la tipa del B&B ci ha chiesto com’era andata. Noi abbiamo raccontato la storia e il giorno dopo al breakfast la padrona ci ha detto che il ristorante ha chiamato per scusarsi dell’inconveniente…

Maggiori info sul ristorante:

  • http://www.ireland-guide.com/establishment/white_horses_restaurant.4023.html
  • http://www.goodfoodireland.ie/index.cfm/section/members/key/173

Un altro locale consigliabile e’ il Marine Bar. Un pub dove spesso c’e’ musica dal vivo e concerto di musica tipica fino alle 2-3 di notte. Sito: http://www.marinebar.com/

Gita nel dintorni del monte Coumaraglin e Mahon falls

Prima di lasciare Dungarvan gita nei dintorni del monte Coumaraglin per visitare le cascate di Mahon…

Purtroppo le condizioni erano proibitive: vento MOOOOOLTO forte e FREDDISSIMO. Pochi intrepidi si sono avventurati per il sentiero che porta dalla piazzola di parcheggio fino alle cascate (secondo i miei occhi saranno stati 20-30 minuti di cammino). Il freddo e il vento (e lo scarso equipaggiamento di coloro che erano senza beretto e giacca adatta) ci ha fatti tornare indietro. Io sarei potuto proseguire ๐Ÿ˜›

Ho scattato qualche foto all’ambiente ma non alla cascata. Potete trovarne alcune su flickr (link sotto).

Maggiori info:

La via di ritorno verso Dublino: Lismore e Cashel

Verso il ritorno per Dublino siamo passati per Lismore, piccolo paese del country side irlandese. L’attrazione principale del paese pare sia il castello chiamato per l’appunto Lismore Castle. Pare che non sia possibile visitare il castello in quanto sia ancora oggi una residenza privata. Leggendo la Lonely Planet pare che questo castello possa essere affitato, per intero, per la modica cifra di 32.000 euro a settimana. Dice che questa estate e’ stato affittato da un gruppo di facoltosi ammeregani. I giardini pero’ sono aperti al pubblico, ma non in questo periodo. Pare che gli orari di apertura siano da Marzo a Ottobre.

Maggiori info:

Dopo Lismore capatina a Cashel, ci sono stato 3 volte con questa e mi sono rotto a parlavene ๐Ÿ˜›
Leggetevi queste URL:

  • http://en.wikipedia.org/wiki/Cashel,_County_Tipperary
  • http://en.wikipedia.org/wiki/Rock_of_Cashel

Per le foto ci sto lavorando e saranno presto su flickr.

Mio dio questo post e’ praticamente una lista di URL… sono pigro… alla prossima!!!!

Vacanze: parte 1

La prima parte delle vacanze, il Natale, e’ andata. Notte della vigilia passata a casa della mia nonna paterna insieme ai relativi parenti. Le foto qui.

Come da tradizione catanese si e’ passata la serata mangiando scacciate e pizze, baccala’ fritto e carduni fritti.

Alcune foto le ho fatte per mostrarvi queste leccornie:

Spiacente, ma questo post non รƒยจ disponibile in Italiano

Spiacente, ma questo post non รƒยจ disponibile in Italiano

Spiacente, ma questo post non รƒยจ disponibile in Italiano

I giorni seguenti sono stato a Noto (SR) ospite della famiglia di Katia. Abbiamo passato li’ il 25 e il 26 sera siamo tornati a Catania.

Dopiche’ siamo ritornati nel siracusano con Iron e Celine, Elibus e Valentina, Dometec e Cristina, Scinziato, Carlo e suo fratello.

Spiacente, ma questo post non รƒยจ disponibile in Italiano

Spiacente, ma questo post non รƒยจ disponibile in Italiano

Prima tappa Noto, dove abbiamo fatto visitare il centro storico, il corso, la cattedrale ritirata su’, le sue chiese barocche.

Spiacente, ma questo post non รƒยจ disponibile in Italiano

Poi via verso Portopalo di Capo Passero, passando per Marzamemi. Ieri c’era molto vento ed il mare era agitato. Sarebbero venute delle grandiosi fotografie se solo non fossimo stati in ritardo e avessimo avuto il tempo di fermarci una mezzoretta. Comunque fermarsi su quella strada e’ un po’ pericoloso perche’ e’ stretta.

La litoranea e’ fanstatica, e’ abbastanza deserta, ci sono spiaggie molto benne, e prima di arrivare a Porto Palo si sale verso un promontorio dove si puo’ osservare l’isola che domina la punta meridionale della Sicilia. C’e’ anche un vecchio castello normanno di cui non ricordo il nome, magari Katia mi puo’ aiutare (ndr: Katia, commenta!).

Siamo andati a mangiare alla “Giara”. Un ristorante/trattoria praticamente sul molo del porto, pesce fresco assicurato!

Non siamo rimasti molto soddisfatti per vari motivi:

  • L’antipasto era MOLTO buono ma decisamente MINUSCOLO. Abbiamo preso 6 antipasti per 11 persone… Polpo marinato e Carpaccio di polpo buonissimo, peccato che in totale siano stati si e no 100gr. Carpaccio di Tonno e Pesce spada, frittura di neonato,
  • Come primo c’e’ chi ha preso il risotto chi un piatto unico dal nome di “Brezza Marina”. In pratica e’ un piattone con 180gr di spaghetti al brodo di pesce con varie tipologie di pesce: cozze, fasolari, vongole, cicale, pesce spada, gamberi, totani… A me e’ sembrata normale pasta “co sucu do pisci”. Peccato che una porzione costava 25 Eur! Ne abbiamo prese 3 per assaggiare. Ah… la pasta sembrava scotta…
Spiacente, ma questo post non รƒยจ disponibile in Italiano
  • Alcuni tipo me hanno preso anche del pesce fresco da fare arrosto: io ho preso un sarago. Onestamente mi e’ sembrato un po’ crudo…

Quanto abbiamo pagato? 423 eur! ๐Ÿ™

40 euro a capoccia…

Io non sono uno che si lamenta di questi prezzi. Quando vai a mangiare pesce, specie al ristorante, devi metterlo in conto. La mattina prima di partire avevo messo in conto 40 eur a persona… pero’ secondo me il rapporto qualita’/prezzo non era buono…

Comunque… dopo questa bella mangiata saremmo dovuti andare a Siracura a vedere l’Opera dei Pupi ad Ortigia… i ragazzi si sono voluti fermare al Caffe’ Sicilia a Noto (uno dei migliori bar italiani, almeno cosi’ dicono le riviste e gli esperti del settore) per prendere qualcosa: cassate, torte varie, etc…

Il risultato e’ che non siamo arrivati a vedere l’opera. Abbiamo ripiegato per un giro turistico di Ortigia in cui ho fatto delle foto molto belle al Duomo, ai vicoli, al mare agitato…

Spiacente, ma questo post non รƒยจ disponibile in Italiano
Spiacente, ma questo post non รƒยจ disponibile in Italiano

Vi aggiorno quando metto le foto di questa giornata su flickr.com

Stay tuned!

— Aggiornamento —

Le foto le ho pubblicate e sono qui.