turismo

Bello il Ring of Kerry? Mah! Meglio il Ring of Skellig!

I lettori assidui avranno notato che il blog langue da qualche settimana. No, non faro’ la fine di altri blog Irlandesi.
Anche perche’ questo non e’ solo un blog che parla d’Irlanda.

Sono stato impegnato tra lavoro e la visita dei miei genitori. Per l’occorrenza li ho portati 3 giorni nel Ring of Kerry tanto per continuare il mio giro dell’Irlanda. Dopo un anno credo di aver visitato di piu’ l’isola che altri blogghisti d’Irlanda. Abbiamo scelto come base il paese di Portmagee (presso l’ostello locale), consigliata da Gizzo. ๐Ÿ™‚
Il Ring of Kerry e’ fico anche se devo dire che non mi ha impressionato molto. Trovo davvero, ma davvero fico, il Ring of Skellig. Un’area del Ring of Kerry fuori dalle rotte turistiche classiche, che comprende Valencia Island. Valentia รƒยจ stata il terminale orientale della prima connessione telegrafica transatlantica, installata nel 1857 e che ha operato fino 1966, probabilmente a causa della sua posizione. In questo luogo si e’ recato anche il compratiota Guglielmo Marconi. Si possono avere ottime passeggiate (tempo permettendo).

Purtroppo il tempo non era granche’: ghiaccio, grandine, vento, pioggia ๐Ÿ˜€
Ma ci ha lasciato qualche spiraglio per vedere un po’ i luoghi nelle vicinanze.

Come sempre alcune foto:

Skellig Islands

Sono due isole dalla forma molto particolare. In estate e’ possibile fare dei 1 day trip in barca con piccola escursione su una delle due isole. Le escursioni partono giornalmente da Portmagee.
Sulle pendici degli speroni rocciosi di Skellig Michael (la piu’ grande e accessibile delle due) e’ situato un’incredibile ed unico monastero medievale protetto dal 1996 dall’UNESCO in quanto dichiarato patrimonio dell’umanita’.
Sembra che il monastero sia stato attivo per centinaia di anni e che i monaci vivevano coltivando un piccolo orticello di patate.

3212738993_ac9730957f

Le isole sono anche una casa per uccelli molto rari, come i Puffin:

puffin

Next Pint: New York

3213542816_1c08359e98

Ci trovavamo in una stradina a Valentia Island. Imbocco una strada sterrata. Proseguo per 1-2 km. Poi trovo questo pub. Chiuso. Una foto era d’obbligo data l’originalita’ dell’insegna ๐Ÿ˜€

Sky reflection on sand

3213852676_05ea19c6b9

In quell’unica giornata con uno sprazzo di sole, siamo scesi in una di queste spiagge lungo il Ring of Kerry, ed ho scattato questa foto, particolare il riflesso del cielo…

Ring of Kerry coast.

Tipo paesaggio irlandese, mucche/pecore, mare, e cielo turbolento ๐Ÿ™‚

3216845494_4281c79e31

Mi manda pallotron

E chiudo l’articolo con un monito/consiglio per voi viaggiatori che usate spesso prendere a noleggio le macchine.

Per fare questo viaggio mi sono servito del sito www.autoeurope.ie.
Questo e’ un sito molto utile che consente di prenotare vetture scegliendo il prezzo piu’ economico fra un elenco di autonoleggi come Hertz, Europcar, Budget, etc.

Il consiglio e’: fate attenzione con le policy di ritorno! Sempre chiedere quali sono le policy carburante! Io lo faccio sempre ma questa volta mi sono dimenticato, e mi hanno fottuto ๐Ÿ˜€

Poco fa mi sono accorto che non mi avevano ricaricato i 60 di carburante sulla carta nonostante avessi ritornato la macchina col pieno. Chiamo Europcar, e mi viene detto che dovevo portare la macchina col serbatoio vuoto perche’ loro non fanno refund del pieno. Gli ho fatto presente che questo non mi era stato comunicato al desk, e il tipo mi ha fatto presente che io ho firmato il contratto. Io gli ho fatto presente che non saro’ piu’ loro cliente. Lo faccio presente anche a voi in modo tale che non lo sarete nemmeno voi ๐Ÿ˜€

Nel frattempo abbiamo invitato i portavoce di Europcar in studio ma ci hanno comunicato che non hanno intenzione di venire.


Week end nel sud est d’Irlanda

Salve gente,

questo week end siamo andati nel sud est dell’Irlanda insieme ad alcuni colleghi. L’occasione della mini vacanza era il compleanno di Rosanna, la ragazza di un mio collega ๐Ÿ™‚

Ecco le tappe coperte, grazie a Google map:

Dublin -> Hook Head Light House(B) -> Dungarvan(C) -> Lismore (D) -> Cashel (E) -> Dublin.

Hook Head Lighthouse

E’ un faro molto importante situato su una penisola nelle vicinanze di Waterford. Una volta arrivati li e’ possibile fare un giro nei dintorni del faro, seguendo i sentieri, si puo’ godere una vista molto carina dalla sommita’ del faro (visite guidate dallo staff ogni ora, ora non ricordo il prezzo del biglietto). Il visitor centre e’ munito di bar, bagni, zona picnic (sia all’aperto che al coperto).

Maggiori info:

Verso Dungarvan

Da Hook Head ci siamo poi trasferiti verso Dungarvan. Attenzione: consigli per chi si vuole spostare da Hook Head a Dungarvan: prendere il ferryboat in localita’ Arthurstown (punto A nella mappa). Il punto e’ conosciuto come Passage East.

Questo vi consentira’ di risparmiare una 50ina di km! Il prezzo del biglietto e’ di 8 euro one way se non erro… e la traversata dura meno di 3 minuti ๐Ÿ˜› Non ho avuto manco il tempo di scendere dalla macchina e fare 4 foto ๐Ÿ˜›

Il ferryboat piu’ che un traghetto sembra una chiatta vera e propria, mai vista! ๐Ÿ™‚

Dungarvan, Seaview B&B e dintorni.

Dungarvan e’ un paese di 6000 anime circa. Davvero molto carino se comparato con la media irlandese.
Un paese con certi tratti da paese marittimo mediterraneo. Ho trovato molto piacevole il passeggio sul “lungomare” dove si trova una bella insenatura.

Il B&B era davvero fico, in alto su una collina si poteva vedere tutto il golfo. Molto fica la sala del breakfast con ampie finestre per godere della vista. Bello anche il salottino al primo piano dove sorseggiare qualcosa in totale relax.

Maggiori info:

The White Horses restaurant.

Entrando nel discorso cibo siamo andati a mangiare in un ristorante consigliato dalla tipa del B&B. Il nome e’ The White Horses e si trova a poche miglia dal B&B, il paese si chiama Ardmore.

Abbiamo bookato facendo telefonare la tipa del B&B. Volevamo fare per le 8.30 ma ci hanno detto che non c’era posto e che avremmo dovuto fare tipo alle 19.00 o alle 21.00. Era gia’ tardi e abbiamo optato per le 21. Arriviamo li alle 21.10. Ristorante pieno. Entriamo; ci dicono di attendere 10 minuti, e ci invitano ad aspettare al pub difronte. Entriamo al pub di fronte, prendiamo una pinta, e dopo 20 minuti arriva la tipa a prendere le ordinazioni (sguardi si stucco fra i commensali…). Attendiamo un totale di 40 minuti per essere chiamati… Arrivati al tavolo ci ritroviamo con solo 6 coperti (e noi eravamo 7!).
Disappunto tra i commensali… Io e Katia Ordiniamo come starter 2 seafood chowder, e come main course del salmone in crosta accompagnato con del cous cous e delle salse varie al peperone e altre cose da dividere in due (e’ stato possibile perche’ il piatto era abbastanza abbondante). Vino bianco. Prezzo se non erro una 50ina di euro in 2 per 2 starter e un main course (il vino e’ stato offerto come regalo dal ragazzo della festeggiata).

Giudizio: positivo per il cibo un po’ meno per l’organizazione (40 minuti di attesa nonostante il booking con ore di anticipo, disorganizazione nel conto delle posate, abbiamo dovuto chiedere 3 o 4 volte per oggetti che mancavano sulla tavola, posate, bicchieri, tovaglioli, etc…)

Nota: la sera al rientro dal ristorante la tipa del B&B ci ha chiesto com’era andata. Noi abbiamo raccontato la storia e il giorno dopo al breakfast la padrona ci ha detto che il ristorante ha chiamato per scusarsi dell’inconveniente…

Maggiori info sul ristorante:

  • http://www.ireland-guide.com/establishment/white_horses_restaurant.4023.html
  • http://www.goodfoodireland.ie/index.cfm/section/members/key/173

Un altro locale consigliabile e’ il Marine Bar. Un pub dove spesso c’e’ musica dal vivo e concerto di musica tipica fino alle 2-3 di notte. Sito: http://www.marinebar.com/

Gita nel dintorni del monte Coumaraglin e Mahon falls

Prima di lasciare Dungarvan gita nei dintorni del monte Coumaraglin per visitare le cascate di Mahon…

Purtroppo le condizioni erano proibitive: vento MOOOOOLTO forte e FREDDISSIMO. Pochi intrepidi si sono avventurati per il sentiero che porta dalla piazzola di parcheggio fino alle cascate (secondo i miei occhi saranno stati 20-30 minuti di cammino). Il freddo e il vento (e lo scarso equipaggiamento di coloro che erano senza beretto e giacca adatta) ci ha fatti tornare indietro. Io sarei potuto proseguire ๐Ÿ˜›

Ho scattato qualche foto all’ambiente ma non alla cascata. Potete trovarne alcune su flickr (link sotto).

Maggiori info:

La via di ritorno verso Dublino: Lismore e Cashel

Verso il ritorno per Dublino siamo passati per Lismore, piccolo paese del country side irlandese. L’attrazione principale del paese pare sia il castello chiamato per l’appunto Lismore Castle. Pare che non sia possibile visitare il castello in quanto sia ancora oggi una residenza privata. Leggendo la Lonely Planet pare che questo castello possa essere affitato, per intero, per la modica cifra di 32.000 euro a settimana. Dice che questa estate e’ stato affittato da un gruppo di facoltosi ammeregani. I giardini pero’ sono aperti al pubblico, ma non in questo periodo. Pare che gli orari di apertura siano da Marzo a Ottobre.

Maggiori info:

Dopo Lismore capatina a Cashel, ci sono stato 3 volte con questa e mi sono rotto a parlavene ๐Ÿ˜›
Leggetevi queste URL:

  • http://en.wikipedia.org/wiki/Cashel,_County_Tipperary
  • http://en.wikipedia.org/wiki/Rock_of_Cashel

Per le foto ci sto lavorando e saranno presto su flickr.

Mio dio questo post e’ praticamente una lista di URL… sono pigro… alla prossima!!!!

Le Irish Waterways

Surfando in modalita’ cazzeggio in questi giorni ho trovato questo sito interessante:

http://www.iwai.ie

IWAI sta per: “The Inland Waterways Association of Ireland.” E’ un’associazione che riunisce un gruppo di volontari entusiasti delle irish waterways. Ma cosa cacchio sono queste waterways?

Se state a Dublino sicuramente avrete visto questi enormi canali, spesso provvisti di chiuse meccaniche, che solcano per la citta’, ad es. nella zona di baggot st. Oppure il canale che passa sotto lo stadio di Croke Park.
Beh, spesso sono occasione per intraprendere una buona passeggiata in mezzo a cigni e papere con prole al seguito, davvero un buono spunto per qualche fotografia. Ma in realta’ sono delle vere e proprie “autostrade” d’acqua, un sistema di canali abbastanza sviluppato che consente di raggiungere varie parti dell’isola a bordo di particolari chiatte. Pare che sia stato messo su nell’intorno del 700 anche come sistema di trasporto merci/persone. Ora capisco perche’ in Irlanda non ci sono autostrade! ๐Ÿ˜›

Guardate questa mappa:

Per le varie tratte e’ possibile andare in questa pagina. Questi canali vanno percorsi con particolari “chiatte” come questa:

Sul sito ci sono tantissime informazioni sui percorsi, vi vendono le mappe dei canali, vi consigliano itinerari, cosa fare dove e quando. C’e’ la possibilita’ di affittare le barche. Stavo pensando che potrebbe essere un buono spunto per una gita diversa.

Da quello che ho capito questi canali sono governati da chiuse meccaniche per fronteggiare le maree ma forse anche per altri motivi. La cosa curiosa, ma anche divertente, e’ che se guardate le guide, potete leggere qualcosa del tipo “il signor Donal O’Brien vive alla chiusa numero 9, il suo numero di cellulare e’ 0123456”. Tutto molto irish…

Date un occhio alla gallery fotografica.

Magari se state pianificando di fare le vacanze qui potrebbe essere uno spunto.

Saluti